Home > Sport > Calcio, il Rimini affonda in casa contro la Fermana

Calcio, il Rimini affonda in casa contro la Fermana

Dopo i due ottimi pareggi con Cesena e Reggio Audace il Rimini affonda in casa con la Fermana, un avversario abbordabile che prima della gara odierna occupava con il Rimini il quartultimo posto in classifica. Partita sicuramente condizionata dall’espulsione di Cigliano, ma la squadra biancorossa non ha replicato quanto fatto contro il Cesena. E si è complicata di parecchio la vita, alla luce del doppio match casalingo. Sabato a Rimini arriverà la Vis Pesaro.

LE FORMAZIONI

RIMINI FC: Scotti, Nava, Scappi, Oliana, Cigliano, Silvestro, Palma, Arlotti, Montanari, Gerardi, Zamparo. A disp: Santopadre, Sala, Picascia, Van Rasbeeck, Candido, Mancini, Petrovic, Ventola, Pari, Bellante, Messina, Lionetti. Allenatore: Renato Cioffi.

FERMANA: Palombo, Urbinati, Comotto, Manetta, Petrucci, Scrosta, Isacco, Iotti, Cognini, Bacio, Liguori. A disp: Gemello, Manè, Rolfini, Venturi, Bellini, Molinari, Mantini, Ricciardi, Fiumicetti, Sperotto, Badioli, Maistrello. All: Antonioli Mauro.

NOTE: 

CORNER: 3 – 2

RETI: 3′ st Cognigni (F)

AMMONITI: Arlotti, Palma, Liguori, Urbinati, Ventola, Oliana, Sperotto. 

ESPULSI: Cigliano (R)

SPETTATORI: 1912 (paganti 719, abbonati 1.193)

 

PRIMO TEMPO 

1° – Partiti. Rimini in maglia a scacchi biancorossi Fermana in maglia gialla e pantaloncini blu. 

6° – Ancora poche emozioni al Neri. La Fermana guadagna il primo corner della partita. Cross dalla bandierina in mezzo, pallone respinto da Scotti di pugno.

13° – Partita giocata a ritmi piatti, senza emozioni. 

15° – Lampo del Rimini, Nava crossa rasoterra in mezzo all’area ma nessuno dei giocatori biancorossi ne approfitta. 

20° – Bella cavalcata sulla sinistra di Silvestro che dalla trequarti a riva al limite dell’area e calcia. Palla deviata sul fondo da un difensore ospite, calcio d’angolo. Su cui sviluppi non succede nulla. Il cross dalla bandierina viene comodamente raccolto da Palombo.

28° – Occassionissima per la Fermana. Cognigni di testa spara sulla traversa su un ottimo assist arrivato dalla sinistra. Brivido per i biancorossi. 

32°- Tegola sul Rimini. Espulso Cigliano per doppia ammonizione. Per l’ennesima volta, la settima, il Rimini,  si ritrova in inferiorità numerica, per altro nel primo tempo. 

36°- Il Rimini sostituisce Zamparo con Candido.

40° – Gerardi in girata lascia partire un debole tiro preda di Palombo. Il Rimini, in 10, sembra più pimpante. 

43° – Azione d’attacco della Fermana, Petrucci spara appena entrato dentro l’area di sinistra, pallone fuori di un niente alla destra di Scotti. 

47° – Dopo 2 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine del primo tempo. Partita scialba senza emozioni. Rimini in 10, per la settima volta in questo campionato. 

SECONDO TEMPO

45°- Squadre in campo per il secondo tempo. 

47° – GOAL DELLA FERMANA. Rimessa laterale da sinistra, palla arriva a Cognigni che si smarca e a botta sicura trafigge Scotti. Arbitraggio contestatissimo, la difesa del Rimini era praticamente ferma nella convinzione che il giocatore in maglia gialla avesse commesso fallo. 

55° – Il Rimini sostituisce Arlotti per Ventola. 

57° – Punizione da buona posizione per il Rimini. 

58° – Candido colpisce la traversa su calcio di punizione. La Fermana sostituisce Liguori con Bellini. 

60° – Miracolo di Scotti sul solito Cognigni. Il giocatore ospite era riuscito a penetrare nell’area di rigore biancorossa e si era presentato a tu per tu con Scotti, abile a deviare in corner. 

67° – Maistrallo si divora un goal da due passi e spedisce alto sulla traversa. 

71° – Il Rimini sostituisce Nava con Picascia. 

74° – Fallo di Urbinati ammonito, e punizione per il Rimini da buona posizione. Palma chiama Palombo alla ricezione in tuffo. 

87° – Punizione di Palma dalla trequarti finisce nelle mani del portiere. 

90 + 3° Punizione per il Rimini anche Scotti in area. Ma quando il pallone arriva in area arbitro fischia fuorigioco. 

90 + 4° – Arbitro fischia la fine. Rimini – Fermana 0 – 1. Fischi seppur timidi all’indirizzo dei biancorossi all’uscita dal campo. 

Ultimi Articoli

Scroll Up