Home > Ultima ora Attualità > Il caldo scioglie le nevi, allerte piene e frane anche in provincia di Rimini

Il caldo scioglie le nevi, allerte piene e frane anche in provincia di Rimini

Le temperature in rialzo che fanno sciogliere le le nevi e la pioggia che sta cadendo e cadrà stanno gonfiando i fiumi e indebolendo i pendii franosi. Pertanto, l’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile e ARPAE hanno diramato una serie di allerte valide dalle 12:00 del 2 febbraio fino alla mezzanotte del 4 febbraio 2019.

E’ Allerta ROSSA per criticità idraulica per le province di Bologna Ferrara e Ravenna; Allerta ARANCIONE per criticità idraulica per le province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ravenna; per criticità idrogeologica per le stesse province più Piacenza; Allerta GIALLA per criticità idraulica per le stesse province più Forlì-Cesena e Rimini; per criticità idrogeologica per le province di Piacenza, Parma, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini.

“Per la giornata di oggi sabato 2 febbraio – si legge nel bollettino – si prevedono precipitazioni irregolari. Deboli in pianura, deboli-moderate lungo i rilievi appenninici che puntualmente potranno risultare anche elevate sulle aree di crinale con valori compresi 30 e 50 mm. Le precipitazioni saranno a carattere nevoso sopra quota 1300 m sui rilievi centro-occidentali e sopra quota 1800 m sui rilievi orientali. Venti moderati dai quadranti meridionali con locali rinforzi da sud sul mare. Mare mosso con moto ondoso in attenuazione. Per la giornata di domani domenica 3 febbraio precipitazioni residue deboli ed irregolari che insisteranno maggiormente sui bacini romagnoli. Le precipitazioni saranno a carattere nevoso sopra quota 500 m sui rilievi centro-occidentali e sopra quota 1000 m sui rilievi orientali”.

Il deviatore Marecchia oggi a Rimini

Nei prossimi giorni in provincia di Rimini ArpaE prevede un tempo ancora perturbato ma senza grossi fenomeni. La prossima settimana dovrebbe smettere di piovere ma un abbassamento delle temperature potrebbe provocare gelate mattutine.

Per oggi sabato 2 febbraio “nel pomeriggio sulla costa molto nuvoloso con piogge deboli intermittenti, sui rilievi molto nuvoloso con deboli nevicate sopra 1800 m; dalla sera sulla costa molto nuvoloso con piogge deboli intermittenti, sui rilievi molto nuvoloso con deboli nevicate sopra 1500 m. Temperature massime pomeridiane comprese tra 9 °C sui rilievi e 14 °C sulla costa. Velocità massima del vento compresa tra 42 (costa) e 87 km/h (rilievi). Mare molto mosso al mattino, nel pomeriggio mare molto mosso con tendenza ad attenuazione del moto ondoso, dalla sera mare mosso con tendenza ad attenuazione del moto ondoso”.

Domani domenica 3 febbraio, “al mattino sulla costa molto nuvoloso, sui rilievi coperto con pioviggini; dal pomeriggio sulla costa molto nuvoloso, sui rilievi molto nuvoloso con piogge deboli. Temperature minime del mattino comprese tra 3 °C sui rilievi e 7 °C sulla costa, massime pomeridiane comprese tra 7 °C sui rilievi e 10 °C sulla costa. Velocità massima del vento compresa tra 35 (costa) e 40 km/h (rilievi). Mare mosso al mattino, nel pomeriggio mare mosso con tendenza ad attenuazione del moto ondoso, dalla sera mare calmo sotto costa mosso al largo”.

Lunedì 4 febbraio, “al mattino molto nuvoloso con piogge deboli; nel pomeriggio sulla costa tendenza ad attenuazione della nuvolosità, sui rilievi nuvolosità variabile; dalla sera sulla costa sereno, sui rilievi sereno o poco nuvoloso. Temperature minime del mattino comprese tra 0 °C sui rilievi e 7 °C sulla costa, massime pomeridiane comprese tra 3 °C sui rilievi e 8 °C sulla costa. Velocità massima del vento compresa tra 44 (rilievi) e 67 km/h (costa). Mare mosso al mattino, nel pomeriggio mare mosso con tendenza ad attenuazione del moto ondoso, dalla sera mare poco mosso”.

Per i giorni della prossima settimana da martedì 5 a venerdì 8 febbraio, le tendenze osservate fanno ipotizzare ad ArpaE che “L’aumento del campo di pressione sulla nostra regione manterrà condizioni del tempo stabile nella prima parte del periodo; successivamente l’arrivo di una nuova saccatura atlantica provocherà un peggioramento delle condizioni meteorologiche. Avremo pertanto prevalenti condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso fino a mercoledì. Da giovedì progressivo aumento della nuvolosità a partire da occidente che permarrà anche nella giornata di venerdì. Assenza di precipitazioni. Temperature minime e massime stazionarie con gelate mattutine, più probabili nella prima parte del periodo“.

Scroll Up