Home > Politica > Campi nomadi, la Lega non conosce le direttive europee

Campi nomadi, la Lega non conosce le direttive europee

Il nostro articolo riferito al contratto di Governo tra 5 Stelle e Lega sui campi nomadi ha provocato la reazione scomposta del consigliere comunale della Lega Matteo Zoccorato.

Questa il suo post su Fb:
I Kompagni (e relativi soci) di casa nostra, si stanno ringalluzzendo oltremodo, leggendo questo passaggio contenuto nel contratto di governo sottoscritto dal M5S e la Lega.
Li tranquillizzo io.
L’Europa fornisce tante possibili indicazioni, e di varia natura. Nel futuro prossimo, di nuove ne potranno sorgere.
Ma vi assicuro che da nessuna parte l’Europa ha mai consigliato di smantellare queste realtà incivili, per sostituirle con microcampi e casette costruite ad hoc, con relative spese e oneri a carico dei Comuni di competenza.
Questo colpo di genio proviene tutto dal sacco di farina competente al duo Bonaccini/Gnassi.
Mai la Lega sosterrà un progetto simile, alla luce del fatto che lo stesso Matteo Salvini è venuto appositamente a Rimini per manifestarne la sua contrarietà in prima persona, davanti a centinaia di cittadini.
Mai lo sosterranno le migliaia di Riminesi che da due anni a questa parte si oppongono in prima persona contro quest’amministrazione.
Mai lo sosterrò io, che fin dal giorno seguente alla nascita del progetto, ho combattuto con tutte le mie forze per bloccare questa vergogna.
Tranquilli Kompagni. Non cambia proprio nulla.
Continuerete a ricevere costanti e severe lezioni giornaliere, fino al giorno in cui capirete di dover chiudere definitivamente questa triste pagina di politica riminese.

Spiace che il dirigente di primo piano della Lega (futura forza di governo) non sappia cosa sta approvando con il Contratto di Governo con i 5 Stelle. Spiace ancora di più che classifichi un giornale on line, libero nel pensiero e nella linea, etichettandolo con “Kompagni”. Ma soprattutto il consigliere della Lega non è in grado di tranquillizzare proprio nessuno.

Il contratto di Governo è ambiguo e si presta ad interpretazioni opposte. Per altro le strategie messe in campo dal Comune di Rimini sono in applicazione di una legge regionale che per la prima volta in Italia ha recepito  in Italia la Strategia europea per l’integrazione di Rom e Sinti  (strategia che consigliamo a Zoccarato, di leggere) disponendo lo smantellamento dei campi nomadi in favore di soluzioni abitative autofinanziate, che comprendono alloggi nel mercato, case popolari oppure micro aree familiari non sovvenzionate dal denaro pubblico. Un provvedimento, passato in Regione col voto favorevole anche del Movimento 5 Stelle.

Scroll Up