Home > Cronaca > Campioni del lavoro: il riminese che sbaraglia tutti nella fresatura

Campioni del lavoro: il riminese che sbaraglia tutti nella fresatura

Esiste anche un campionato a tappe per fresatori. È quello organizzato dall’azienda  Technical, la speciality dedicata alla ricerca, selezione e gestione delle risorse qualificate in ambito metalmeccanico, metallurgico ed elettronico di Randstad, secondo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane.

Il CNC Contest – Campionato Fresatori 2018 è il tour in 15 tappe, che dal 15 ottobre e fino al 5 dicembre attraverserà l’Italia alla scoperta dei più abili giovani programmatori di macchine fresatrici di ogni territorio. A farsi notare in questa competizione è stato il riminese Andrea Miracco, 25 anni, che ha vinto la tappa di Forlì. Miracco, che è diventato campione provinciale, competerà per il titolo nazionale insieme ai migliori giovani fresatori di tutta la penisola nella finale che si terrà il 5 dicembre a Piacenza.

Prima di conoscere questo giovane specialista, chiediamo a Susanna Scipi, una responsabile dell’organizzazione di questa manifestazione, come è nato e funzionato questo particolare campionato.

Scipi, da quanto tempo esiste questo campionato?

«Questa è il sesto anno. Nel corso delle varie edizioni si sono alternate due tipologie professionali legate in maniera alternata alla tornitura e fresatura. Questa è la seconda edizione legata alla fresatura».

I fresatori arrivano da tutta Italia? Qual è la loro fascia di età?

«Il reclutamento dei corsisti proviene dal lavoro di selezione di oltre 20 unit Technical coinvolte nell’organizzazione del contest. Il primo requisito di reclutamento condiviso con i colleghi è quello della selezione a partire da una forte motivazione a qualificarsi e riqualificarsi in ambito tecnico e meccanico. Il 71 % dei partecipanti ha un’età che va dai 19 ai 30 anni e complessivamente l’86% non supera i 40 anni. Circa il 50 % ha un diploma o una qualifica tecnica ed il 25 % di questi in ambito meccanico. Il restante 50 % proviene da diplomi diversi o da dispersione scolastica».

In che cosa consiste esattamente la competizione che ha visto trionfare il riminese Andrea Miracco?

«Il campionato è strutturato in 15 tappe su tutto il territorio italiano più la finale tra i 15 vincitori delle singole tappe che si terrà il 5 dicembre presso il Centro Tecnologico TAC Siemens di Piacenza. Le singole tappe sono costituite da un esercizio di programmazione CNC con linguaggio Siemens eseguito sul simulatore Sinutrain (Siemens ndr). La finale del 4 e 5 dicembre prevede il primo giorno di formazione dei vincitori delle singole tappe in preparazione alla finale che si terrà il 2° giorno che vedrà una prova di programmazione di difficoltà superiore a quella eseguito nelle singole tappe. Per i primi 3 classificati sarà possibile lanciare in macchina il programma per la realizzazione del pezzo. Inoltre sempre per chi salirà sul podio, Siemens mette a disposizione un ulteriore corso di approfondimento sulle macchine utensili ospitato presso il Centro TAC di Piacenza».

Quali sono le finalità di questo contest?

«Da un lato, quella di rispondere alla richiesta sempre crescente di personale tecnico qualificato, in questo caso relativo alle macchine utensili; dall’altro creare concrete opportunità lavorative per i nostri candidati, fortemente motivati, in un mercato alla ricerca costante di specializzazione».

Ma ora passiamo a conoscere Andrea Miracco, il neo campione provinciale di fresatura.

Andrea, da quanto fai il fresatore?

«Il corso CNC della Randstad è stata la mia prima esperienza da fresatore tramite simulatore».

Come sei arrivato a partecipare a questo contest? Hai dovuto superare una selezione o ti sei semplicemente iscritto?

«Per la partecipazione ho chiesto allo staff della Randstad, dicendogli cercavo un corso da programmatore CNC. Appena mi hanno avvisato che era disponibile, e che era addirittura gratuito, ho accettato senza esitare».

In che cosa consisteva la gara in cui hai primeggiato?

«Consisteva nello scrivere un programma basato su coordinate da comunicare alla macchina tramite un suo linguaggio, il tutto ottenuto dalla fonte, che è un disegno tecnico, ma bisognava realizzarlo nel minor tempo possibile e con grande precisione. Per fortuna è andato tutto bene e sono riuscito nel mio intento».

Adesso dovrai gareggiare per il titolo nazionale a Piacenza, non vedrai l’ora immagino?

«Sì, non sto più nella pelle. La tensione si fa sentire, però farò del mio meglio per portare a casa il risultato».

Nicola Luccarelli

Scroll Up