Home > Primo piano > Caos Viminale, in sospeso l’elezione di Colombo e Spinelli

Caos Viminale, in sospeso l’elezione di Colombo e Spinelli

Il Rosatellum, il sistema elettorale con il quale abbiamo votato domenica scorsa riserva delle sorprese. Facile per l’elettore votare (bastava una croce) altrettanto difficile a quanto pare, nel decidere chi sono gli eletti. Diciamo subito che nei collegi uninominali (dove bastava un voto in più per essere eletti) i problemi non ci sono. O almeno i soliti problemi di riconteggio dei voti nel caso che la vittoria sia per poche decine di voti come nel caso del collegio di Ravenna vinto dal centrodestra per 49 voti di scarto sul candidato del centrosinistra. Sta di fatto che a tre giorni dal voto vi è chi entra e chi esce dal Parlamento in una lotteria che coinvolge dodici regioni compresa l’Emilia Romagna. Fioccano gli errori nelle liste degli eletti sul sito Eligendo del Viminale, che passa una giornata a rettificare.

Nella confusione vi entrano anche Beatriz Colombo e Domenica Spinelli. Date per elette la prima alla Camera e la seconda al Senato in realtà non hanno ancora nessuna certezza.

Il destino parlamentare di Beatriz Colombo è legato al riconteggio dei voti nel collegio uninominale di Ravenna dove Alice Buonguerrieri ha vinto per 49 voti sulla candidata Bakkali. Nel caso il riconteggio assegni la vittoria al centrosinistra vi sarebbe una rivoluzione tra gli eletti. Salta la candidatura della Colombo nel listino plurinominale e contemporaneamente cambierebbe anche la geografia politica del PD.

Ore di attesa anche per Domenica Spinelli. In questo caso il tutto è legato al numero degli eletti tra Emilia e Romagna. La legge elettorale assegnava 5 Senatori da eleggere nella circoscrizione Romagna e 4 nella circoscrizione Emilia. Ebbene allo stato attuale sarebbero eletti 6 senatori (tra cui Domenica Spinelli) nella circoscrizione Romagna e 3 in quella dell’Emilia. In questo caso potrebbero esserci anche dei ricorsi.

Il tutto dovrebbe chiudersi nella giornata di Venerdì quando si pronuncerà la Corte di Appello di Bologna.

Al momento le uniche candidature certe oltre a quella di Jacopo Morrone eletto nel collegio uninominale sono quelle di Andrea Gnassi eletto nel listino proporzionale del PD (era capolista) e Marco Croatti del Movimento 5Stelle

Ultimi Articoli

Scroll Up