Home > Economia > Carim: ecco la soluzione in extremis, ora la palla torna a CariParma

Carim: ecco la soluzione in extremis, ora la palla torna a CariParma

Si profila l’auspicato lieto fine per l’operazione di acquisizione di Cassa Cesena, Cassa Rimini e Cassa di San Miniato da parte di Crèdit Agricole-Cariparma.

Secondo quanto riporta Borsaitaliana.it,  “Il consiglio di gestione dello Schema volontario del Fondo Interbancario di tutela dei depositi, apprende Radiocor Plus, ha convocato l’assemblea delle banche partecipanti per aumentare la dote a disposizione per ricapitalizzare due delle tre banche e consentire la vendita. Secondo indiscrezioni l’assemblea verrà chiamata a settembre ad aumentare di 90 milioni la dote del Fondo che ha risorse residue per 420 milioni tutti da impiegare nella ricapitalizzazione di San Miniato e Rimini oltre che nell’acquisto della tranche junior della cartolarizzazione delle sofferenze delle tre banche”.

La delibera potrebbe convincere ora Agricole-Cariparma a confermare la sua offerta  – che scadrebbe lunedì 31 luglio – e a evitare così la liquidazione di San Miniato e Rimini che causerebbe a tutte le banche italiane un esborso immediato di circa 2 miliardi, se non di più.

Ultimi Articoli

Scroll Up