Home > Cronaca > Caso Sarti: chi è Andrea-Bogdan e cosa fa la sua Social Tv

Caso Sarti: chi è Andrea-Bogdan e cosa fa la sua Social Tv

Bogdan Tibusche, l‘ex fidanzato e collaboratore di Giulia Sarti, sotto il nome di Andrea De Girolamo gestisce SocialTVNetwork, una testata di informazione on line che pubblica soprattutto video. Il motto è Noi vi facciamo venire i DUBBI poi ragionate con la vostra testa”.

Di cosa si occupa la testata? I titoli dell’ultimo aggiornamento sono abbastanza illuminanti: “Il Governo finanzia le missioni militari e non i terremotati”; “Da Renzi solo bugie e promesse per ILVA”; “Renzi prepara le poltrone per i suoi amici”; “Statuto del PD o carta igienica?”; “Reddito di inclusione o compravendita?” (foto:Tremonti; immagine: PD partito dementi); “Camorristi del clan più potente a Napoli si iscrivono al PD”.

Più sorprendente, per una testata vicina al MoVimento 5 Stelle, l’articolo La finta abolizione delle province”, dal momento che i pentastellati hanno votato NO al referendum che appunto le doveva abolire.

Tutti questo articoli risalgono però al 2017; sulla testata on line non se ne pubblicano di più dopo l’agosto di quell’anno. Vi fu poi l’annuncio che non sarebbero più apparsi banner pubblicitari, mentre si richiedevano donazioni agli utenti per mandare avanti la testata. Andrea De Girolamo ha continuato però a pubblicare video e post di informazione sulla sua pagina Facebook e quella di SocialTVNetwork. 

Non che si parli solo del PD. Nel settembre 2016, nel pieno del “caso Muraro”, fu pubblicato un sondaggio di questo tenore:

La testata si occupa anche di politica estera, incappando però in qualche scivolone. Come quando, nell’aprile 2017, pubblicò un video dei White Helmets in Siria rivelatosi poi una bufala; all’epoca la giustificazione fu che era stato “condiviso per sbaglio”.

Altra cantonata nell’agosto 2017 con i presunti account Fake del Partito Democratico che rispondevano a Paolo Gentiloni: “Tre giorni fa il PD ha dimostrato di nuovo cos’è: UN PARTITO FINTO. Dovete sapere che i followers su Twitter sono finti e sono gestiti da un software che risponde in automatico”. Solo che, come si scoprì, non erano followers finti e gestiti da un software, ma ricercatori precari del CNR che protestavano contro il Governo. 

SocialTvNetwork aveva anche strapazzato Enrico Mentana l’11 settembre 2016, in occasione dell’anniversario dell’attentato alle Torri Gemelle, dopo che il direttore de La7 aveva rivolto dure critiche ai complottisti.

Andrea De Girolamo non è (o non è stato) legato solo a Giulia Sarti. Dello staff di SocialTvNetwork fanno parte diversi esponenti del MoVimento 5 Stelle, anche di primo piano.

Scrive il blogger e noto “debunker” (scopritore di bufale) David Puente, che si è occupato più volte di questa testata: «Il primo in alto a destra lo dovreste riconoscere, è quel Davide Gatto amico di Luigi Di Maio e che venne tirato in ballo da R0gue_0 usando il suo account su Rousseau per votare durante le elezioni del candidato Presidente del Consiglio del Movimento 5 Stelle. Andando verso sinistra abbiamo “Andrea C.” o “Andrea Carli“, simpatizzante del Movimento, a seguire “Luca G.” o “Luca Giorgio” che oltre a far parte dello Staff di SocialTv è anche admin della pagina Facebook “Governo a 5 Stelle“».

«Tra i collaboratori di SocialTv c’è anche Giandomenico Giannetto, lo studente di medicina a Milano (definito “futuro medico vegano” e spero non sia lui quello che è etichettato come “dottore/medico” sul sito Timerepublik.com) al quale non risulta che la formaldeide sia presente nel corpo umano (peccato che la produca), oltre che proprietario del dominio Medicinapiccoledosi.it. Parlando di medicina e nel caso specifico dei vaccini, tema trattato da SocialTv e contestato dai colleghi di Butac, eccolo che pubblica sul suo account Instagram una foto insieme al ciarlatano Wakefield. Tornando ad “Andrea“, il frontman di SocialTv ha collaborato con TGPorco di Sabina Guzzanti ed è amico su Facebook dei deputati Michele Dell’Orco, di Mirko Busto, di Danilo Toninelli, Angelo Tofalo, passando poi a Virginia Raggi e altri ancora».

Ultimi Articoli

Scroll Up