Home > Ultima ora sport > Cattolica: a settembre i “Giochi di Liberetà” della Spi-Cgil Lombardia

Cattolica: a settembre i “Giochi di Liberetà” della Spi-Cgil Lombardia

Anche quest’anno tornano i “Giochi di Liberetà”, la manifestazione organizzata dallo Spi-Cgil Lombardia arrivata quest’anno alla 28.a edizione, che vede il proprio culmine fra settembre e ottobre con la festa per le finali regionali, momento che registra la partecipazione di oltre 800 persone ogni anno.

La location dell’evento, come da qualche anno a questa parte, è Cattolica, divenuta sede preferita per l’organizzazione della manifestazione. “Le peculiarità del territorio – spiegano dal Sindacato dei pensionati – offrono proposte affascinanti per un pubblico di tutti i tipi. Inoltre le belle sinergie e collaborazioni con enti e privati del territorio permettono un’organizzazione ottimale e sicura“.

La nostra manifestazione – si legge nella descrizione dell’appuntamento – è il momento conclusivo di un progetto annuale di inclusione sociale che coinvolge sedi sindacali, Auser, centri anziani, case di riposo, assessorati ai servizi sociali e numerose associazioni che si occupano di disabilità su tutto il territorio lombardo. Il percorso, attivo ad oggi in tutte le province della Lombardia, comprende diverse attività ludico-sportive come il gioco delle bocce, carte, tennis, pesca, ballo e attività culturali come la scrittura creativa, la fotografia e la pittura. Durante il corso dell’anno, nelle varie province, vengono realizzate gare e manifestazioni che coinvolgono a diversi livelli gran parte delle realtà locali dal punto di vista organizzativo, creando una rete di relazioni e rapporti che arricchisce e sostiene il lavoro che i diversi soggetti già svolgono sul territorio, favorendo la partecipazione e creando numerose occasioni di aggregazione e condivisione“.

Durante i cinque giorni delle finali regionali si concentrano diverse attività, alcune dislocate in giro per la città di Cattolica, ma la maggior parte con un punto di riferimento: l’Arena della Regina. In questa location, sotto la tensostruttura e nel teatro, si terranno le gare e le mostre dei concorsi artistici, i convegni, gli spettacoli ed i concerti serali che hanno visto nomi come Enrico Bertolino, Paolo Rossi, i Legnanesi, Paolo Cevoli e la Banda Osiris. E per chiudere in bellezza la manifestazione, come ogni anno qui si organizza la grande serata di gala finale, durante la quale tutti i partecipanti cenano e ballano insieme per darsi appuntamento all’anno successivo.

L’obiettivo di questo lungo cammino – conclude il Sindacato – è superare il progressivo isolamento che il più delle volte colpisce non solo i soggetti definiti “fragili” ma anche tutte quelle persone che, uscite dal mondo del lavoro ma ancora desiderose di essere utili, si ritrovano a doversi reinventare un modo virtuoso di utilizzare il proprio tempo libero. Ma non solo, il nostro evento settembrino vuole intercettare anche chi ha solo bisogno di una parentesi di leggerezza, un momento in cui ricaricarsi. I Giochi di Liberetà sono tutto questo: un grande progetto che, grazie ai numerosi attori locali, si fa portatore di coesione sociale, aggregazione, svago, cultura ma sempre con un occhio attento alle fragilità. Non mancare, unisciti a noi in questa bella avventura“.

Ultimi Articoli

Scroll Up