Home > Ultima ora politica > Cattolica, Fraccaro sul Referendum senza quorum: “Siete coraggiosi”

Cattolica, Fraccaro sul Referendum senza quorum: “Siete coraggiosi”

Partecipazione dei cittadini e democrazia diretta: verso il referendum senza quorum a Cattolica. È stato questo il tema della conferenza stampa che si è svolta nel pomeriggio di mercoledì 22 gennaio al Palazzo del Turismo di Cattolica. Un appuntamento che ha visto gli interventi del Sottosegretario di Stato alla Presidenza dei Ministri, Riccardo Fraccaro, la Vicepresidente della Camera dei Deputati, Maria Edera Spadoni, e il Senatore Marco Croatti, Membro della 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo). In apertura dell’incontro i saluti del Sindaco Mariano Gennari che ha introdotto al tema.

“Il referendum senza quorumha sottolineato il Primo Cittadinoè sempre stato un punto molto caro al sottosegretario Fraccaro. Un tassello ulteriore verso la democrazia diretta. Tramite il percorso partecipativo intrapreso a Cattolica, avremo quanto prima la possibilità di mettere in atto questo strumento su temi importanti per la nostra comunità”.

Ma la conferenza è stata occasione per illustrare anche altre iniziative partecipative che si stanno attuando sul territorio della Regina. Tra queste: il Progetto di amministrazione condivisa e partecipata con i comitati di quartiere “Amministriamoci” di ha parlato l’Assessore alle Politiche Sociali Patrizia Pesci; il progetto partecipativo “Rigener-Arte” per la rivalutazione urbanistica attraverso la street-art presentato dall’Assessore alla Cultura Valeria Antonioli; i progetti di collaborazione con i comitati cittadini per le attività economiche per i quali è intervenuta l’Assessore al Turismo ed Attività Economiche Nicoletta Olivieri. Inoltre l’Assessore ai Lavori Pubblici Fausto Battistel, approfittando della presenza del Sottosegretario, ha illustrato la concreta attuazione del Decreto crescita, ovvero la norma Fraccaro, che ha permesso diversi interventi in tema di riqualificazione energetica. I dettagli del percorso partecipativo “Regina senza quorum” (promosso dal Comune di Cattolica con il contributo della L.R. n. 15/2018) sono stato illustrati da Silvia Pozzoli, Presidente del Consiglio comunale di Cattolica. Un momento in cui sperimentare pratiche, strumenti e modalità utili a diffondere la cultura della partecipazione allargata. A conclusione dell’intero percorso, il procedimento amministrativo porterà alla modifica dello statuto dell’Ente con l’approvazione di un nuovo regolamento per l’istituzione del “Referendun senza quorum” da parte del Consiglio comunale.

Sul percorso in atto sono arrivati i complimenti di Fraccaro che lo ha definito “un atto rivoluzionario”. “Siete davvero coraggiosi ad aver intrapreso questo cammino, proseguite su questa strada. Mi fa particolarmente piacere – ha sottolineato il Sottosegretario – che stiate per introdurre il referendum senza quorum, poiché rappresenta un percorso realmente democratico che avvicina i cittadini alla cosa pubblica. Il Comune è l’Ente istituzionale più prossimo e vicino al cittadino. Sono convinto che se dobbiamo ripartire come Paese, è necessario farlo dal basso. È la partecipazione che può dare stabilità ad uno Stato”.

E sulla norma che porta il suo nome ha aggiunto che “se si fanno arrivare i contributi ai sindaci li impiegheranno per quegli interventi necessari. Abbiamo concesso ai Comuni piccole somme, confidando in loro, poiché conoscono i bisogni del proprio territorio”. “Il Sottosegretario Fraccaro parlava di coraggio, io aggiungerei anche coerenza ha sottolineato la Spadoni – nel perseguire questo percorso rispetto all’abolizione del quorum. Una Amministrazione si distingue anche dalla coerenza nel portare avanti le proprie idee. Ed infine, ribadisco che la vicinanza con l’Ente locale è fondamentale, per questo ho apprezzato il colloquio avuto con il sindaco su temi locali. Infine, a nome delle Istituzioni, volevo sottolineare la solidarietà al Sindaco Gennari che si è ritrovato le gomme dell’auto tagliate. Che sia opera di un delinquente o di una bravata, spero si faccia chiarezza quanto prima poiché si tratta comunque di un vero e proprio reato”.

Scroll Up