Home > Ultima ora politica > Cattolica, Massimiliano Gessaroli si candida a sindaco

Cattolica, Massimiliano Gessaroli si candida a sindaco

Massimiliano Gessaroli si candida a sindaco di Cattolica. L’ex primario, già consigliere comunale in questa legislatura, parteciperà alle prossime elezioni per la lista “Alleanza Civica per Cattolica”.

Questo l’annuncio ufficiale di Gessaroli:

Care Amiche ed Amici, cari Concittadini, estremamente gratificato ed orgoglioso per le tante richieste pervenutemi per ricandidarmi a Sindaco da parte di professionisti, imprenditori e soprattutto di tanti cittadini, oltre che dal Comitato Promotore di “ALLEANZA CIVICA per CATTOLICA”, ho deciso di accettare con entusiasmo tale gratificante invito.

Cercherò di onorare degnamente questo impegno anche alla luce del maggior tempo che vi potrò dedicare, essendo appena andato in pensione dopo 40 anni di attività, di cui 20 con la qualifica di Primario del Reparto di Chirurgia Vascolare all’Ospedale di Rimini.

I 5 anni trascorsi della prima esperienza di Consigliere Comunale hanno sicuramente arricchito ulteriormente la mia conoscenza della macchina amministrativa degli Enti Locali, ed hanno cementato in me la convinzione di poter fare veramente il bene della Città e della sua Comunità, basandomi su realtà e concretezza, evitando promesse irrealizzabili e funzionali solo ad una campagna elettorale.

Mi impegnerò per praticare una attività amministrativa che abbia sempre come riferimento,nelle varie scelte che si presenteranno, le reali necessità della Comunità, con meno proclami e molti fatti, che si attuino durante tutta la legislatura e non solo negli ultimi 6 mesi prima di una nuova campagna elettorale.

Soprattutto vorrei guidare una Amministrazione che rispetti tutta la sua Comunità, senza distinzioni e preferenze, nell’attento ascolto delle necessità e delle difficoltà di tutti, e nelle importanti scelte urbanistiche e funzionali per la Città, senza privilegi. Questi sono gli obiettivi fondanti che hanno costituito l’ Associazione “Alleanza Civica per Cattolica” che mi gratifica della sua fiducia, e che presentera’ una propria Lista Elettorale rappresentata da varie personalità espressione del tessuto sociale, culturale ed economico della nostra Città, inclusiva di tutti coloro che non hanno legami, impegni, ed incarichi diretti in attività politiche di Partito.

Ciò non toglie che collaboreremo con quelle formazioni politiche principalmente di centro-destra che aderiranno a questo progetto, in modo che attraverso uno sviluppo condiviso delle proposte di programma e della successiva attivita’ amministrativa potremo affrontare insieme, e al meglio, i problemi della nostra Citta’, e che in riferimento alle azioni amministrative, oltretutto  potranno sicuramente dare un valido contributo all’interfacciamento con le dinamiche nazionali ed europee, dove da sola una Lista Civica non avrebbe rilevanza e rappresentanza.

Nei prossimi anni saranno tanti i problemi da affrontare e si dovrà fare tutto il possibile per rilanciare e potenziare le attività economiche del nostro territorio, in particolare quelle Turistiche con attenzione alle opportunità che potranno provenire dal PNRR – Recovery Found, anche con modalita’ inclusive per non lasciar indietro nessuno

Mancano ancora 4 mesi alle elezioni e la fase delle proposte e dei programmi è ancora lontana, e credo che ora sia più corretto dedicarsi alla fase di “ascolto” dal territorio, Cittadini, Associazioni, Comitati, anche se alcuni problemi sono già ben noti davanti agli occhi di tutti ed improcrastinabili.

La visione futura della Città non può più essere fatta per soli slogan e loghi, cercando improvvidamente di imitare realtà diametralmente opposte e lontane da Cattolica. Una vera Rigenerazione Urbana deve ascoltare e riunire le varie riqualificazioni, come quelle di quartieri del centro storico, delle aree residenziali e turistiche, e della viabilità. Non si può più accettare di cementare un solo mq in più di area verde, ed è passato il tempo solo dei piani per la eliminazione delle barriere architettoniche senza che mai venissero realizzati, cosi’ come non si puo’ dimenticare la ricostruzione della scuola Repubblica nella sua sede, e l’allargamento del lungomare

Un Sindaco che mette a posto strade e marciapiedi non dovrebbe essere considerato un bravo Sindaco, ma semplicemente un Sindaco che fa il mestiere che gli compete per il decoro della sua Città e la sicurezza dei suoi Cittadini.​ Nei prossimi mesi sarà dato corpo ad un programma con precisazioni, proposte e soprattutto un nuovo metodo di condivisione in Comunità, attuata preventivamente sino dalla fase di progetto.
“INSIEME”…ripartiremo​

Ultimi Articoli

Scroll Up