Home > Ultima ora Attualità > Cesenatico: domani Giornata mondiale degli oceani. Prosegue l’impegno di Daphne

Cesenatico: domani Giornata mondiale degli oceani. Prosegue l’impegno di Daphne

Domani, 8 giugno 2021, come ogni anno, si celebrerà la Giornata mondiale degli oceani, una occasione per riflettere sulla necessità di interagire con gli oceani in modo sostenibile. Mari e oceani occupano il 70 per cento della superficie terrestre, producono più dei 2/3 dell’ossigeno che respiriamo e svolgono un ruolo decisivo nella moderazione del clima del globo. Una enorme distesa di acqua salata, che dà lavoro a oltre 400 milioni di persone e, con i suoi stock ittici, dà da mangiare a più di 3 miliardi di persone.

La Regione Emilia-Romagna è da sempre all’avanguardia nel settore della tutela dell’ambiente marino. L’Adriatico che bagna le sue coste è ben tutelato da leggi nazionali e regionali. Negli anni ’60 la Regione fu la prima a realizzare depuratori sull’intera linea costiera; nel 1977 fu realizzata la Daphne, un battello oceanografico che da allora sorveglia l’intero specchio di Adriatico tra i 500 metri dalla riva fino a 20 km al largo, una sorta di laboratorio galleggiante che (tuttora, tramite l’apposita Struttura oceanografica all’interno di Arpae) fornisce i dati sui parametri chimico-fisici dell’acqua del mare da Goro a Cattolica; nel 1991 la Regione fu la prima ad abbattere, per legge, il fosforo contenuto nei detersivi, una legge che poi venne estesa a tutta Italia con legge quadro nazionale.

Nei laboratori di Arpae dislocati a Cesenatico, oltre ad elaborare i dati forniti della Struttura Oceanografica Daphne, si svolgono programmi di ricerca sulle plastiche e microplastiche in mare e sull’eventuale comparsa di organismi alloctoni e il coordinamento della sottosezione Adriatica della Strategia Marina europea.

Sempre a Cesenatico opera il Centro di Ricerche Marine, Laboratorio Nazionale di Riferimento per le Biotossine Marine e il fitoplancton, che coordina le attività della rete dei laboratori italiani incaricati dal Ministero della Salute del controllo ufficiale delle biotossine marine nei molluschi destinati al consumo umano e nelle aree di loro produzione. 

Istituito nel 1965, il Centro di Ricerche Marine è oggi un presidio di primaria importanza per la sicurezza alimentare, il supporto alle imprese del settore ittico nazionale e internazionale e per la tutela dei consumatori.

Cogliamo l’occasione della Giornata mondiale degli oceani – scrivono dal centro di Cesenatico – per salutare Carla Rita Ferrari, da pochi giorni in pensione: le attività presenti di Daphne e le collaborazioni in essere sono frutto anche dell’impostazione da lei data in questi anni. Arpae ringrazia Carla Rita, responsabile della Struttura oceanografica Daphne dal 2012 fino a pochi giorni fa, per l’instancabile impegno, la passione e la dedizione che ha sempre dedicato al mare Adriatico, per i tanti e innovativi progetti di ricerca portati avanti e per la professionalità che ha sempre caratterizzato il suo lavoro. Su queste basi è impostata l’attività futura della Daphne, a supporto di un settore così importante come quello rappresentato dall’economia blu e dalla tutela dell’ambiente e della biodiversità“. 

Ultimi Articoli

Scroll Up