Home > Ultima ora economia e lavoro > CGIL Rimini: “Lavoro irregolare nel turismo, non ‘mele marce’ ma un sistema”

CGIL Rimini: “Lavoro irregolare nel turismo, non ‘mele marce’ ma un sistema”

Dopo l’operazione della Guardia di Finanza di Rimini che ha individuato una società per la fornitura di personale agli hotel e l’ha accusata di gravi violazioni delle normative sul lavoro, Filcams CGIL Rimini – NidIL Rimini apprezza la presa di posizione della prsedente di Federalberghi Rimini Patrizia Rinaldis, ma non accetta che si parli di “mele marce”.

“La carenza di manodopera nel settore del turismo stagionale – premettono i sindacati – è una questione originata da più fattori. Due di questi aspetti, sui quali da anni abbiamo puntato la nostra attenzione, sono la qualità del reclutamento e la qualità del lavoro. Si tratta di temi profondamente intrecciati e riguardanti, tra l’altro, la cultura d’impresa. Quando un’azienda cerca personale attraverso sistemi illegali quasi sempre ne derivano rapporti di lavoro a dir poco opachi, dove lo sfruttamento diventa l’elemento centrale”.

“Patrizia Rinaldis, Presidente di AIA – proseguono Filcams CGIL e NidIL – ha rilasciato dichiarazioni di denuncia apprezzabili rispetto al lavoro irregolare e sicuramente quando nel nostro territorio si affacciano “agenzie sospette” si struttura un confronto attivo. Sulla dimensione e qualità del fenomeno, però, il nostro giudizio è diverso. Non siamo di fronte a “mele marce” o a “furbetti”. Le cose vanno chiamate con il loro nome. Sono condotte disoneste sia per quanto riguarda le imprese utilizzatrici, sia per quelle che abusivamente somministrano personale. Come ha mostrato l’operazione Free Job, vi è un sistema che ha coinvolto centinaia di lavoratori in violazione alle normative in materia di occupazione svolgendo di fatto illegittimamente le attività di agenzia di somministrazione senza averne autorizzazione. I dati sulle irregolarità riscontrate nel lavoro del turismo sono forniti periodicamente dagli enti ispettivi e restituiscono l’immagine di ampie piantagioni di mele marce (70 imprese con irregolarità lavorative ogni 100 ispezionate, secondo l’Ispettorato Nazionale del Lavoro – agosto 2021). Bisogna perciò risalire alle ragioni del marciume, se vogliamo eliminarlo”.

Una soluzione? “Un ammortizzatore sociale che faccia emergere il lavoro irregolare. Lo diciamo da tempo: una delle cause della carenza di manodopera è l’assenza di un sistema di indennità di disoccupazione stagionale per il turismo, vincolato a politiche attive del lavoro, che garantisca continuità del reddito. Un meccanismo che incentivi l’emersione del lavoro irregolare è possibile. Oggi la Naspi, non pagando adeguatamente gli stagionali del turismo e non garantendo alcuna presa in carico tramite specifiche politiche attive del lavoro, allontana i lavoratori dal turismo e non disincentiva sufficientemente l’illegalità. Se per ogni giorno lavorato in regola nel turismo stagionale la Naspi garantisse un trattamento più che proporzionale nessun lavoratore stagionale del turismo accetterebbe proposte di lavoro indecenti e tutto il sistema tenderebbe ad un riallineamento nella direzione della legalità. L’impresa si fa con il lavoro e il guadagno va redistribuito. L’imprenditore pigliatutto rischia di rimanere solo ed è quello che sta accadendo nell’industria turistica”.

“All’azione repressiva condotta da Guardia di Finanza e Ispettorato Territoriale del Lavoro va il nostro ringraziamento e il nostro plauso. Ma bisogna fare più prevenzione e su questo il Patto per il Lavoro e il Clima provinciale sottoscritto il 12 marzo scorso, ha previsto che si intervenga per il raggiungimento degli obiettivi utili alla valorizzazione delle competenze e alla qualità del lavoro partendo dal potenziamento del Centro per l’Impiego e della Rete Attiva del Lavoro“, concludono Filcams CGIL Rimini e NidIL Rimini.

Ultimi Articoli

Scroll Up