Home > Cronaca > Costume > Con questo ponte un po’ più vicini al cielo

Con questo ponte un po’ più vicini al cielo

Ce l’ho fatta! Finalmente ho sperimentato il ponte, pardon, sovrappasso di via Roma. Ovviamente con la bici, il veicolo per cui è nato, e un’opera come quella ti dà (o sembra darti) la misura concreta di quanto contiamo oggi noi ciclisti qui a Rimini.

Mica ci hanno dato la solita ciclabile, ma un ponte tutto per noi o quasi, neanche troppo ripido, con il quale scavalchiamo e guardiamo dall’alto in basso i poveri automobilisti, che proprio sotto di noi sono fermi al semaforo o incastrati in una rotonda, o nell’altra, o in tutt’e due.

Se non l’avete ancora provato, fatelo, prima che finisca la luna di miele e si perda quell’incanto fanciullesco un po’ da Belle Epoque, con gli adulti che si incamminano sul sovrappasso meravigliati ed entusiasti come i primi scalatori della Tour Eiffel.

Che bella cosa il progresso! Che bello vedere realizzata, un’opera utile e alla fin fine neanche tanto brutta. Peccato che faccia un po’ l’effetto che farebbe il ponte sullo Stretto di Messina: un’opera avveniristica che collega due regioni, Calabria e Sicilia, dove la viabilità regolare è arcaica insufficiente, scendi dal ponte e ti ritrovi incastrato in una mulattiera.

E’ vero che a Rimini si può andare pedalando in sicurezza dalla Statale al mare attraverso il parco. I problemi sorgono per i ciclisti che nella vita hanno altri impegni oltre ad andare in spiaggia e fare picnic nel parco: tipo andare a scuola, al lavoro, a fare la spesa. Le ciclabili ci sono, ma spesso in centro vengono usate come parcheggi, e ogni tanto scompaiono, abbandonando di colpo il povero ciclista indifeso in mezzo a un’orda di macchine bramose di vendetta contro chi gli ha rubato mezza corsia.

E che dire di certe rastrelliere, tipo quelle della stazione? Devono essere state progettate per i monocicli circensi, perché la distanza tra le feritoie destinate alle ruote non corrisponde a quella dei manubri.

Ma sorvoliamo, anzi, sovrappassiamo. Pensiamo che grazie al nuovo cavalcavia dedicato, noi riminesi in bicicletta siamo più vicini al cielo. E una volta tanto non nel senso peggiore di vittime designate del traffico motorizzato, come purtroppo ci ricorda l’incidente occorso a Nick Hayden nei giorni scorsi.

Un manufatto che migliora la qualità (e la quantità) della vita dei ciclisti malatestiani si paga, poco fuori città, con l’ennesimo sacrificio umano a strade troppo anguste e antiquate per soddisfare le esigenze moderne delle due e delle quattro ruote, soprattutto in questa stagione in cui gli allenamenti si incrociano con le gite domenicali. Più che un sovrappasso sembra un contrappasso crudele.

Lia Celi www.liaceli.it

Scroll Up