Home > Cronaca > Ciao Direttore. Riccione piange Bamba, pioniere del marketing e della comunicazione

Ciao Direttore. Riccione piange Bamba, pioniere del marketing e della comunicazione

Se n’è andato a soli 64 anni Leonardo Graziano Grossi, per tutti Bamba. Senza virgolette, a Riccione e non solo. Un soprannome che portava con vanto e leggerezza, quasi a strappare subito un sorriso al momento delle presentazioni. E con un sorriso immancabilmente terminava ogni incontro con lui.

Una bandiera della Perla Verde, lui che era riminese purosangue, cresciuto nel ristorante di famiglia sul Lungomare a due passi dal porto, La Buca. Un pioniere del marketing e della comunicazione, fra i primi a capire le potenzialità di Riccione quando negli anni ’80 in Italia si inziava a parlare di brand e di sponsorizzazioni.

Insieme all’amico fraterno Luca Tausani Ferrini, Bamba fonda l’agenzia Monitor. E fra i primi clienti c’è il neonato Aquafan. E’ Bamba a comprendere quanto valore possa avere: quello di Riccione non può essere un parco acquatico qualsiasi. E’ un account manager nato, le pubbliche relazioni sono nel suo dna: simpatia istintiva, capacità di mettere a proprio agio chiunque. Perchè gli ingessati manager della Milano da bere si trovano di fronte qualcuno che si fa chiamare Bamba, ma è ben più serio e preciso di quelli che sono soliti frequentare. Sembra prometta mare e monti; il fatto straordinario è che quelle pronesse le mantiene sempre. Sempre elegantissimo, ama indossare i migliori abiti. Ma  l’onestà incrollabile, la generosità senza limiti, quelle non le esibisce mai, te le lascia scoprire nei fatti.

Bamba fa il giro dei più grandi marchi e fa comprendere ai top manager quanto sia redditizio associare l’immagine della loro azienda a quella solare e accogliente di Riccione. Conti alla mano, dimostra loro quanti contatti otterrano se uno scivolo, una piscina, perfino una doccia di Aquafan porterano il loro nome. Quanto efficace sarà il lancio di un nuovo prodotto se avverrà proprio lì, negli spazi personalizzati all’interno del paradiso del divertimento sano e pulito. I manager comprendono. E investono. In certe stagioni la raccolta sponsor di Aquafan rappresenta metà del fatturato.

Fra i tanti che incontra c’è Claudio Cecchetto. E’ subito amicizia vera, con lui come con tutti i personaggi di Radio Deejay, da Jovanotti 16enne a Fiorello animatore nella discoteca Walky Cup di Aquafan voluta da Cecchetto (sponsor:  Coca-Cola).  Maturano solidi rapporti con Fiat, Citroen, Perfetti, X-box Microsoft, Sisal,  Red Bull, Nike, Gruppo Sanrio, L’Oreal, Valsoia, Swatch, Danone. Si organizzano anche tour promozionali in tutta Italia, in estate sulle spiagge e d’inverno sulle piste da sci.

Meno di un anno fa Bamba si ammala. Un male che non perdona e che oggi ha voluto portarcelo via. Lascia la moglie Sabrina e le figlie Beatrice e Benedetta, i genitori, il fratello e la sorella. Lascia un vuoto incolmabile fra chi gli ha voluto bene: tutti quelli che lo hanno conosciuto.

Ciao Direttore.

Il tuo copywriter Stefano Cicchetti

Ultimi Articoli

Scroll Up