Home > La puèšia ad Muratori > Cmè e’ pès te pajèr

Quand ch’a stàg só da te lèt,
am véd e am dmand cum stèt?
Na m’un ènt, pròpiè mu mè,
e a m’arspònd a stàg isé!

Tènimòdi mè al sò,
an mi pòs miga dì bóh!
E quand ch’a l’ò capì,
ma ch’jélt a jè pòs dì.

La mi möj l’am diš: ninèin,
stamatéina at vég bninèin!
Mè al sò ch’u n’è véra,
dlistès ai dég ch’ò chèra.

Per quis-ciòun ad curtèšia,
la stèsa ròba a dég ma léa,
simbéin che mè a la véda,
un bèl po’ sparnazèda.

Per sintìm a dì bondé,
a vag sa fèisbùc che ilé,
u j’è zèinta éduchèda
ch’lam diš bòna zurnèda.

Sa whatsapp in dó tré,
i s’adana per savè,
cum ch’a stàg, cum ch’am la pas,
ai dég: bèin grazie me caz!

Pu sa scap, i vu cumprà,
im dmanda: come sta?
Ai dég: bénèsum carèin,
mo an ti compre i fazultéin!

Mè a stàg, cum ch’us pò véda,
cumè l’èrba tajèda,
che purtròp la s’amòsa,
mo a n’ò i pid tla fòsa.

A pòs dì ma chi ch’um cnäs,
ch’a sò sèn cumè un pès,
pjó d’isé an putria prètènd,
ad saluta a n’ò da vènd!

Però a dég, per ès sincér,
ch’a stàg cmè e’ pès te pajèr,
ch’u n’é un gran bel stè,
mo an mi pòs pu lamantè.

Ivano Aurelio Muratori

COME IL PESCE NEL PAGLIAIO

Quando mi alzo dal letto,/ mi vedo e mi domando come stai?/ Non a un altro, proprio a me,/ e mi rispondo: sto così!

Tanto io lo so,/ non mi posso mica dire bóh!/ E quando l’ho capito,/ agli altri glielo posso dire.

Mia moglie mi dice: ninein,/ questa mattina ti vedo benino!/ Io lo so che non è vero,/ le dico lo stesso che ho piacere.

Per una questione di cortesia,/ la stessa cosa dico a lei,/ sebbene che io la veda,/ un bel po’ scompigliata.

Per sentirmi dire buongiorno,/ vado su facebook che lì,/ c’è gente educata,/ che mi dice buona giornata.

Su whatsapp due o tre,/ si affannano per sapere,/ come sto, come me la passo,/ dico loro: bene grazie al cazzo!

Poi se esco, i vù cumprà,/ mi domandano: come sta?/ Dico loro: benissimo carini,/ ma non vi compro i fazzolettini!

Io sto come si può vedere,/ come l’erba tagliata,/ che purtroppo si ammoscia,/ ma non ho i piedi nella fossa.

Posso dire a quelli che mi conoscono,/ che sono sano come un pesce,/ più di così non potrei pretendere,/ di saluta ne ho da vendere!

Però dico, per essere sincero,/ che sto come il pesce nel pagliaio,/ che non è un gran bel stare,/ ma non mi posso lamentare.

Ultimi Articoli

Scroll Up