Home > Ultima ora > Comitato Possibile Rimini Valmarecchia: più rispetto per la valle dell’Uso

Comitato Possibile Rimini Valmarecchia: più rispetto per la valle dell’Uso

Il comitato “Possibile” Rimini Valmarecchia, ha inviato il seguente comunicato a proposito del progett di realizzazione di una discarica, firmato anche dall’Onorevole Andrea Maestri di Possibile :

Più rispetto per la valle dell’Uso e per i suoi cittadini da parte di chi li rappresenta! Basta con le periodiche promesse di interventi miracolosi quanto disattesi! Solo sabbia negli occhi per non vedere l’amara realtà delle scelte per questa valle!

Abbiamo portato alla luce un percorso con incomprensibili quanto generosi ‘errori materiali’, attraverso la lettura puntuale delle carte ufficiali, con contestazioni nel merito delle questioni tanto che la giunta regionale sarà costretta ad un passo indietro sulla precedente delibera di approvazione.

La pubblicazione di numeri inconsistenti, fatti circolare sulla stampa in questi giorni, è solo un maldestro tentativo per intorbidire le acque. A noi piace l’acqua chiara e così invitiamo i cittadini a verificare personalmente l’esorbitante carico di 439’600 tonnellate all’anno scritto nella delibera regionale nr 2013 del 05/12/2016.

Quanto alle responsabilità locali, nessuno sfugga alle proprie. Infatti prima della delibera di autorizzazione regionale è stato localmente un intenso lavoro per accendere tutti i possibili ‘semafori verdi’ per assicurare alla discarica G4 una partenza senza intoppi. Se il grilletto lo hanno premuto a Bologna, l’arma è stata caricata in Romagna, attraverso pareri favorevoli delle commissioni comunali, degli enti territoriali, concedendo perfino zone tutelate al progetto, evitando accuratamente ogni azione di possibile contrasto, compreso il ricorso amministrativo.

L’unico pronunciamento contrario, almeno a parole, è maturato al culmine di un infuocato consiglio comunale a Poggio Torriana. Un risultato ottenuto dai tanti cittadini presenti. I fatti poi però parlano chiaro.

Ma la nostra azione, la nostra passione politica (da polis), svolta sia localmente che nelle aule del parlamento, è finalizzata al miglior futuro possibile per questo martoriato territorio e non certo contro qualche povero sindaco.

Allora ci rivolgiamo anche a voi, ‘cari’ sindaci. Non è tardi. Siate ‘cari’ al vostro territorio per il bene che gli saprete fare e non per il prezzo di scelte scellerate. E’ meglio riconoscere gli errori e porvi rimedio piuttosto che tentare di coprirli con numeri non veri.

Unitevi a noi, unitevi ai tanti cittadini in questa lotta di RESISTENZA per la salvaguardia della salute pubblica, per la salvaguardia delle risorse ambientali, per la valle dell’Uso e quindi contro una discarica G4 che, bisogna averlo sempre a mente, non è prevista in nessuna programmazione ambientale ma risponde solo alla logica del MONEY FIRST”.

Antonio Valli per Comitato Possibile Rimini Valmarecchia

Scroll Up