Home > Ultima ora Attualità > Comune di Rimini, maestre d’infanzia: “Il concorso non è contro le precarie”

Comune di Rimini, maestre d’infanzia: “Il concorso non è contro le precarie”

E’ in un comunicato la risposta dell’Amministrazione Comunale alle proteste e al ricorso presentato in Tribunale dalle maestre precarie, una ventina, preoccupate di essere “scavalcate” dal nuovo concorso per l’assunzione di “educatori nido d’infanzia”.

La scelta, deliberata dalla Giunta comunale nell’aprile scorso, di bandire un concorso pubblico per la copertura di 11 posti di ‘educatore nido d’infanzia’, persegue principalmente una doppia finalità. 

In primo luogo va ricordato – recita la dichiarazione dell’Amministrazione Comunale – che si tratta del primo concorso che l’Amministrazione Comunale ha potuto bandire per posti di ruolo in asilo nido dall’anno 2007. Il Legislatore infatti ha prorogato per quasi 10 anni (dal 2008 alla fine del 2018) le graduatorie che, per Legge, dovrebbero avere una validità triennale. Dopo 12 anni quindi, grazie a questo nuovo concorso, si darà la possibilità a coloro che hanno terminato il percorso di studi dopo il 2008 di concorrere per un posto a tempo indeterminato al Comune di Rimini. E si tratta di centinaia di insegnanti di ogni età, che finora non avevano avuto questa possibilità. 

Questa finalità – prosegue il comunicato – non contrasta per nulla con la seconda prerogativa del concorso, che consentirà di valorizzare l’esperienza professionale maturata dalle cosiddette educatrici precarie nei nidi comunali, a cui è riservato il 40% dei posti. Va inoltre considerato che per essere assunte è sufficiente che queste educatrici conseguano l’idoneità, a prescindere dalla collocazione in graduatoria. 

La scelta dell’Amministrazione comunale di procedere con il concorso pubblico è supportata dalla legislazione: il cosiddetto Decreto Madia prevede infatti che la stabilizzazione del personale precario sia una facoltà per le amministrazioni, uno strumento alternativo a quello del concorso, che costituisce la regola generale per antonomasia per l’accesso all’impiego pubblico indicata dall’art. 97 della Costituzione. 

Come noto, sono state ben 1.365 le candidature pervenute al Comune di Rimini per la partecipazione al concorso che si svolgerà in primavera, nei tempi utili per consentire l’approvazione della graduatoria per l’apertura dell’anno scolastico 2020/2021.  Inizialmente la Giunta comunale, prendendo atto della necessità di sostituire il personale educativo cessato dal servizio o destinato ad altri incarichi per ragioni di salute, ha deliberato di bandire – conclude la nota dell’Amministrazione Comunale – un concorso pubblico per la copertura di 7 posti di educatore nido. I posti da coprire sono poi stati aumentati da 7 a 11; in questo modo l’Amministrazione andrà a coprire con contratto a tempo indeterminato tutti i posti già vacanti e quelli che si renderanno vacanti fino all’inizio dell’anno scolastico 2020-2021”.

Scroll Up