Home > Speciale elezioni e referendum > Coriano Futura: “Indennizzi PEEP. I cittadini pagano il prezzo dei ritardi ingiustificabili della Giunta Spinelli”

Coriano Futura: “Indennizzi PEEP. I cittadini pagano il prezzo dei ritardi ingiustificabili della Giunta Spinelli”

Apprendiamo che il sindaco Spinelli ha convocato in via urgente le famiglie proprietarie di alloggi PEEP per la serata del 30 maggio allo scopo di affrontare la questione derivante dalla disparità di trattamento venutasi a creare con l’approvazione del decreto-legge del 21 marzo 20220. Sorvolando sul fatto – scrive in una nota Coriano Futura – che si tratta di una convocazione del tutto fuori luogo (in quanto promossa da una persona che è anche candidata alle prossime elezioni amministrative, ancora una volta in spregio alla nota protocollata dalla Regione il 28 aprile scorso), ci chiediamo in che modo l’amministrazione comunale tenterà di giustificare il ‘pastrocchio’ che, pur riguardando tutti i titolari di diritto di superficie a livello nazionale ed essendo dipeso da una scelta del Governo, rischia di penalizzare in modo particolare proprio i cittadini corianesi. La verità è che sul tema degli indennizzi PEEP i nodi stanno venendo al pettine: quello che doveva essere uno spot elettorale da utilizzare in vista della prossima chiamata alle urne, a vantaggio della Giunta uscente, rischia di trasformarsi in un vero e proprio boomerang, con buona pace delle famiglie corianesi. Coriano – prosegue la nota della lista che sostiene Paolucci sindaco – paga infatti lo scotto del ritardo ingiustificabile e dell’immobilismo adottato dall’amministrazione comunale su una partita così delicata. Lo scorso 31 luglio è entrata in vigore la normativa che disponeva sensibili agevolazioni economiche sulla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà delle aree e per l’eliminazione del prezzo massimo di cessione e del canone massimo di locazione per l’edilizia residenziale pubblica. Anziché procedere celermente al recepimento della normativa a beneficio dei proprietari, il Comune di Coriano ha pensato bene di attendere l’ultimo momento utile, ovvero l’ultima seduta del Consiglio comunale di aprile, per uniformarsi alle disposizioni di legge. Il tutto, guarda caso, proprio a ridosso della campagna elettorale. Un tempismo davvero sospetto a nostro modo di vedere, ma vogliamo sperare che i ritardi accumulati siano dipesi esclusivamente dallo sforzo gestionale davvero considerevole che l’ente ha dovuto mettere in campo. 

Per evitare la ‘beffa’ – continua la nota di Coriano Futura – e cercare di ovviare al colpo di spugna che ha abrogato la norma che disponeva sensibili agevolazioni economiche sulla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà, il Comune di Rimini si è fatto promotore di un emendamento e dispone un periodo transitorio nel quale mantenere in vigore la vecchia normativa (e quindi i tetti massimi) per tutte le istanze presentate fino al 20 maggio. Un’iniziativa che anche noi, come Coriano Futura, abbiamo sostenuto. Ci chiediamo tuttavia quante famiglie corianesi abbiano effettivamente avuto tempo per presentare la loro istanza e quindi rientrare nella finestra temporale connessa all’emendamento. In tanti rischiano di rimanere completamente tagliate fuori da questo periodo transitorio. Un minore lassismo da parte della Giunta Spinelli – conclude la nota di Coriano Futura – avrebbe forse permesso di salvaguardare i diritti legittimi di tantissimi cittadini anche di fronte all’incertezza normativa che si è presentata negli ultimi giorni per via del decreto governativo”.

Ultimi Articoli

Scroll Up