Home > Ultima ora Attualità > Coriano, il Comune: “Un anno fa cominciava la pandemia. Serve responsabilità”

Coriano, il Comune: “Un anno fa cominciava la pandemia. Serve responsabilità”

È un momento estremamente delicato per il mondo della scuola – scrive il Comune di Coriano – e anche il nostro territorio non si sottrae all’aumento dei contagi.

Vorremmo sottolineare come fondamentale per il contenimento del diffondersi del virus sia la massima attenzione e rispetto delle regole.

Come amministrazione siamo pienamente in accordo con le direzioni degli istituti comprensivi del nostro territorio, alle quali vanno i nostri ringraziamenti per l’ottimo lavoro svolto – scrive ancora nella nota il Comune – e la nostra vicinanza per le difficoltà che stanno affrontando.

“Concordo con le dirigenti, Barbara Cappellini e Fabiola Mazzei – dichiara Domenica Spinelli, sindaco di Coriano – nel sostenere che l’attenzione principale della scuola debba essere il preservare al massimo la possibilità di svolgere la didattica in presenza ed in piena sicurezza per tutti, studenti ed alunni, insegnante e personale, e ci sconcerta come questo talvolta sia sottovalutato da un parte delle famiglie, che invece poca attenzione pongono al rispetto delle fondamentali regole attualmente vigenti. Vorrei ricordare che il rispetto dei protocolli non è solo una questione personale, infatti abbiamo imparato che mai come ora le nostre azioni possono influire sugli altri e in questo caso addirittura sulla vita. Se non è facilmente comprensibile quanto grave sia questa pandemia perché, grazie al cielo poco impatta sui più giovani, non si può nascondere però che questi possono essere vettori del contagio e contribuire di fatto a diffondersi di questa malattia che sta continuando a mietere vittime in gran numero nel nostro paese e anche nella nostra provincia. Colgo l’occasione per ribadire la necessità di porre più attenzione da parte di tutti e di evitare inutili polemiche nell’ambito della gestione delle scuole del nostro territorio. Vorremmo ricordare che al momento oltre 230 nostri concittadini sono in quarantena, chi ignora la quarantena rischia addirittura una denuncia penale e chi lascia i ragazzi e bambini minori senza controllo ne è responsabile rischiando anche severe sanzioni. Non è il momento di allentare e di permettersi azioni non rispettose della propria e dell’altrui incolumità”.

Ultimi Articoli

Scroll Up