Home > Cronaca > Coronavirus in Romagna, vertice Ausl – Comuni: ipotesi zona arancione scuro

Coronavirus in Romagna, vertice Ausl – Comuni: ipotesi zona arancione scuro

A delineare l’ipotesi è stato con un messaggio pubblicato su Facebook il sindaco di Cesena Enzo Lattuca: “non escluderei nella nostra città la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado tranne i nidi, come avvenuto a Bologna“. Poi è arrivata la specifica ovvero che “la decisione spetta alla Regione e ai Comuni interessati in accordo anche con Ausl” e infine si è saputo che non era una suggestione del primo cittadino.

Alle 10 di oggi i sindaci dei Comuni della Romagna, la Regione e Ausl saranno impegnati in una videoconferenza per far il punto sull’andamento dell’epidemia nelle tre provincie romagnole. Che rischiano come la città metropolitana di Bologna di tingersi di arancione scuro. In termini concreti potrebbero essere introdotte nuove restrizioni a partire dalla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado – nidi esclusi – e ritorno in dad al 100% .

Quello che accadrà lo si saprà solo in giornata se verrà adottata la linea già intrapresa a Bologna e nell’Imolese è probabile che saranno vietati anche gli spostamenti interni al proprio comune di residenza, un po’ come era accaduto in zona rossa a ridosso di Natale.

A preoccupare è l’andamento dell’epidemia, con molti casi accertati ogni giorno e l’incognita rappresentata dalle varianti che incrementerebbero di molto i contagi rischiando di far precipitare gli Ospedali nella situazione di massima emergenza.

Ultimi Articoli

Scroll Up