Home > Cronaca > Coronavirus, scattano i primi controlli su chi entra ed esce dalla provincia di Rimini

Coronavirus, scattano i primi controlli su chi entra ed esce dalla provincia di Rimini

Nella giornata di ieri gli effetti delle misure varate con il nuovo decreto anticoronavirus si sono manifestati perlopiù la sera. Dall’orario dell’aperitivo – le 18 – in p0i Rimini e gli altri comuni della Provincia erano deserti, a tratti quasi spettrali. La chiusura anticipata dei locali – bar, pub, ristoranti – ha spinto le persone a non uscire di casa. Cosa che invece non era successa al pomeriggio, quando il clima primaverile aveva letteralmente riversato sulle spiegge centinaia di persone, molte delle quali sedute ai tavoli dei bar a distanza tutt’altro che di sicurezza.

Oggi lunedì 9 marzo hanno fatto la loro comparsa sulle pagine facebook ufficiali delle amministrazioni e sindaci i moduli di autocertificazione per poter circolare liberamente tra le zone interessate dalle misure nella Provincia e tra le zone sorvegliate e quelle non sorvegliate, ad esempio tra Provincia di Rimini e quella di Forlì Cesena.

In mattinata sulle strade ancora non si erano visti controlli.  Lungo la Via Emilia tra Santarcangelo e Savignano sul Rubicone – terra di confine tra le Province, traffico scorrevole e senza richieste di documenti.  Così sempre in mattinata al casello autostradale di Rimini Sud e alla frontiera con San Marino. Ma progressivamente i blocchi stanno scattando e già a metà pomeriggio erano attivi sulla SS 16 fra i territori di San Mauro e Bellaria.

E sono già attivi i controlli sui passeggeri in transito alla stazione di Rimini. Qui la polizia ferroviaria, con l’aiuto dei militari dell’Esercito impiegati nel programma “Strade sicure”, procedono alla verifica di chi arriva e chi parte. I viaggiatori devono fornire la motivazione del loro spostamento, o dimostrando con documenti di rientrare fra coloro cui è consentito, o sottoscrivendo un’autocertificazione che sarà poi verificata dagli uffici. Chi dichiara il falso viene denunciato e incorre in un mandato di cattura.

Scroll Up