Home > Sport > Cosa troveremo nella calza della Befana biancorossa?

Cosa troveremo nella calza della Befana biancorossa?

Sarebbe ancora presto, da Viserba a Novafeltria non è un tragitto proibitivo ma faremo la diretta e quindi devo essere sul posto molto prima.
All’una e un quarto salgo in macchina e prima di partire do un rapido sguardo al cellulare e vedo un mini comunicato appena diffuso dal Rimini FC.

“Giovedì 5 gennaio, alle ore 20 nella sede di via XX Settembre, si svolgerà una riunione presieduta da Giorgio Grassi e aperta a tutta la tifoseria biancorossa. Un appuntamento convocato per fare il punto della situazione alla luce degli ultimi accadimenti e illustrare i programmi futuri della società”.

Condivido immediatamente la notizia e poi mi avvio verso Novafeltria, anche se da quel momento il pensiero più che all’amichevole ammetto che rimarrà al contenuto dello scarno comunicato riportato sopra.

Non conosco più di tanto Giorgio Grassi, non so cosa possa essere cambiato in pochi giorni dopo la schermaglia pre-natalizia con l’amministrazione comunale.
Mi arrivano voci e alcune conferme del fatto che un incontro tra le parti c’è stato; immaginare cosa dirà il patron però è un’impresa complicata.

A Novafeltria intanto tira aria di grande evento, ci sono i ragazzini del settore giovanile in campo con alcuni giocatori biancorossi a fare il “torello” e la tribuna è piena.
La gara, non cattiva e mai spigolosa, scorre e a tratti regala anche qualche bella giocata.
Indicazioni vere è difficile averne, la gara vera dura al massimo un’ora perchè poi anche il Novafeltria fa entrare tutta la panchina a disposizione per non negare a nessuno la gioia di aver affrontato il Rimini ed inevitabilmente il match perde di tono e di contenuti.

Il 3 a 1 finale è solo un dettaglio, resta il ricordo di un pomeriggio di festa che spero possa diventare appuntamento abituale pre-campionato tra due squadre e due società che mi auguro trovino un dialogo proficuo e costante anche, se non soprattutto, fuori dal rettangolo di gioco.

Novafeltria, per questioni anche geografiche, è un po’ il polo di riferimento calcistico della Valmarecchia, territorio in cui Rimini ha sempre pescato ottimamente in termini di simpatie e tifo.

Durante la gara riaffiorano i ricordi di un torneo “Città di Rimini” che portò a Novafeltria il Milan del giovane Baresi e la Lazio dell’altrettanto giovane Tassotti… Cose di oltre 30 anni fa.

Partita, dopo gara e terzo tempo… tutto si dipana velocemente nel freddo tagliente di Novafeltria e quando ,passate le 18, riprendo la via del ritorno, mi accorgo però che la mente torna a quello scarno comunicato del Rimini FC.

Il 5 gennaio forse sapremo, nel bene o nel male, cosa ci aspetta.
Non tanto fino a maggio; piuttosto da maggio in avanti.

Nella calza delle Befana biancorossa ci saranno dolci o carbone?.

Per quanto riguarda il campo, si riparte sabato 7 gennaio a Savignano, calcio d’inizio ore 14 e 30 e chi può non manchi.

Adesso però è tempo di auguri, incombe la notte più lunga dell’anno.
Il 2017 e’ alle porte, buon anno a tutti quanti!
Ovviamente, come sempre, forza Rimini!

Emanuele Pironi

Ultimi Articoli

Scroll Up