Home > Cronaca > Covid in Romagna, con l’ondata estiva +30% focolai nelle residenze anziani

Covid in Romagna, con l’ondata estiva +30% focolai nelle residenze anziani

L’ondata estiva di covid continua, ma sembra rallentare almeno per quel che riguarda i nuovi casi. In Romagna ci sono però più ricoveri, più vittime, più focolai nelle residenze per anziani (da 14 a 21).

Nella settimana dal 27 giugno al 3 luglio sono stati eseguiti 32.614 tamponi (molecolari e antigenici) registrando 12.897 nuovi casi positivi (39.5%). Anche questa settimana si registra un aumento delle nuove positività, sia in termini assoluti (+ 3666) che percentuali.

La provincia di Rimini è stata superata da quella di Ravenna quanto a nuovi casi. Ma nei Comuni la tendenza è molto diseguale. Per stare ai maggiori, a Rimini i nuovi casi scendono in una settimana da 1492 a 1086, ma in tutti gli altri centri crescono, seppure in misera assai differente: Riccione da 255 a 385,  Bellaria da 126 a 133, Cattolica da 95 a 192, Coriano da 68 a 89, Misano da 85 a 108, Santarcangelo da 182 a 212, Verucchio da 75 a 110.

Il tasso di occupazione di posti letto da parte di pazienti affetti da COVID in aumento rispetto alla scorsa settimana ed in totale sono ricoverati 227 pazienti, tra questi 8 sono ricoverati in terapia intensiva.

Complessivamente sono stati sospesi perchè non vaccinati 130 operatori tra dipendenti e convenzionati in tutta l’azienda USL della, Romagna tre in più di una settimana fa.

I vaccinati nei centri vaccinali aziendali al 4 luglio 905.687 erano con prima dose, 870.309 con seconda dose, 604.900 con terza dose e 31.368 con quarta dose la cui somministrazione è iniziata il 1 marzo, a cui vanno aggiunte 111.126 dosi somministrate dai MMG.

Rimini migliora lievemente le sue percetuali di copertura, ma resta saldamente ultima a confrnto delle altre province della Romagna

Ultimi Articoli

Scroll Up