Home > Cronaca > “Cristiani in Preghiera. Pace in Ucraina” una folla in fiaccolata con il Vescovo

“Cristiani in Preghiera. Pace in Ucraina” una folla in fiaccolata con il Vescovo

Una folla composta di oltre un migliaio di persone ha preso parte all’iniziativa organizzata dalla Diocesi di Rimini, venerdì 1 aprile dalle ore 20,30, dal titolo “Cristiani in Preghiera. Pace in Ucraina”.
“Un gesto semplice, ma carico di umanità e fratellanza, per testimoniare vicinanza ai fratelli ucraini colpiti dalla guerra e pregare Dio perché cessi la violenza e possa risuonare solo il frastuono della pace”, spiega la Diocesi.

Bambini in carrozzina, ragazzi, giovani, adulti e anziani: questo gesto di popolo ha radunato una folla all’Arco d’Augusto, che poi si è diretta in processione con fiaccolata fino alla Cattedrale.
Trasmessa in diretta da IcaroTv, “Cristiani in Preghiera. Pace in Ucraina” si è aperta con lo scambio della pace proposto per ben due volte dal Vescovo di Rimini, mons. Francesco: “La pace sia con voi”.
Mario Galasso, direttore della Caritas diocesana, ha tenuto l’intervento iniziale, la cui parola chiave è stata “Insieme”.

“Trovarsi insieme in questa occasione significa essere meno soli, isolati, preoccupati. Insieme si trova e si costruisce la speranza. Insieme siamo artigiani di relazioni, di fraternità e di Pace. Insieme significa rispondere ‘Sorella, fratello, siamo qui per te. Siamo qui per la pace’ – ha detto Galasso – Pregare per la pace è il nostro modo per essere solidali e uniti.

La prima testimonianza è stata quella di Olga Kramha, rifugiata a Rimini dall’Ucraina insieme al figlio minore. In patria ha lasciato il marito militare e la figlia in servizio in Polizia, oltre a fratello e nipoti.

“L’invasione da parte della Russia ha portato a una guerra terribile. Milioni di persone in fila, la tua vita in uno zaino e fuggi dal paese. Voglio che gli italiani lo sappiano che gli ucraini vogliono vivere in pace, siamo una nazione che non attacca nessuno, vogliamo vivere in pace. Voglio ringraziare tutti gli italiani, governo, comune, chiese che aiutano, che supportano l’ospitalità per i nostri profughi ucraini. Voglio ringraziare i sacerdoti e le suore italiani che ogni giorno pregano per gli ucraini, e per la pace nel mondo”.

Maria Grazia è una donna riminese, moglie e mamma che ha accolto nella propria famiglia alcuni rifugiati ucraini.

“La preghiera per la pace speciale per l’Ucraina, ci fa sentire uniti e vicini a tutti coloro che hanno vissuto e vivono ogni giorno lo stesso dolore e spesso, giunti ai confini dell’Europa, trovano le porte chiuse per la nostra indifferenza. I bambini e gli innamorati ci salveranno ci hanno raccontato; ed è vero. Chiediamo al Signore di tornare a casa questa sera ancora più innamorati della vita, della pace, e del futuro”.

Il Vescovo di Rimini, Mons. Francesco Lambiasi

“Pace in Ucraina” è proseguita con una fiaccolata per Corso d’Augusto, piazza Tre Martiri, via IV Novembre fino al Duomo, collegando così due luoghi simbolo della città di Rimini. Il percorso del corteo è stato accompagnato dai canti del Coro ecumenico internazionale San Nicola, diretto da Guja Valmaggi, e dalle litanie dei santi intonate dal rettore della Cattedrale, don Giuseppe Tognacci.

In Cattedrale si è svolta una celebrazione semplice di preghiera presieduta dal Vescovo Francesco. Accompagnata dai canti del Coro, ha previsto letture bibliche (lette da persone ucraine e russe), invocazioni, e un suggestivo minuto di silenzio, nella Cattedrale al buio, con il solo Crocifisso di Giotto illuminato. A questo punto il Vescovo Francesco ha recitato la “Preghiera al Crocifisso-Risorto”, scritta per l’occasione (e successivamente distribuita a tutti i presenti, con traduzione anche in lingua ucraina), una “preghiera per la pace”.

“Prendiamo dal Coro la nota giusta per un canto che possa spegnere il rumore della guerra” ha detto in conclusione il Vescovo, che poi ha invitato tutti i presenti che affollavano il Duomo ad “un applauso in grado di cancellare il frastuono dei conflitti”.

Ultimi Articoli

Scroll Up