Home > Primo piano > Crollo dei casi nei Comuni del riminese, ancora divari nelle vaccinazioni

Crollo dei casi nei Comuni del riminese, ancora divari nelle vaccinazioni

Continua la discesa dei casi covid in provincia di Rimini; nei due distretti di Rimini (Nord) e Riccione dal 4 al 10 ottobre l’incidenza su 100mila abitanti è stata rispettivamente di 31 e 32, all’incirca in linea con quanto avviene nella provincia  di Forlì-Cesena, mentre si registra un picco in quella di Ravenna e in paticolare nel distretto di Faenza.

 

Per quanto riguarda il dettaglio dei Comuni in provincia di Rimini, nella stessa settimana non si è registrato nessun caso di positività a Talamello, Casteldelci, Sant’Agata Feltria, Montegridolfo, Saludecio, Montefiore, Gemmano, Montescudo-Monte Colombo. Nessun malato e quindi Comuni in questo momento covid free sono quelli di Casteldelci, Montegridolfo, Sant’Agata Feltria e Talamello.

 

 

 

Per quanto riguarda l’andamento della campagna vaccinale, Rimini non riesce a recuperare il divario che la separa dagli altri territori della Romagna. Considerando la copertura completa, nella fascia di età 12-19 anni il riminese resta 9 punti percentuali sotto la media romagnola e -14 rispetto alla percentuale più alta, quella di Ravenna. In tutte le fasce 20 ai 59 anni la differenza negativa si riduce a 5 punti, che diventano 4 fra i 60 e i 69 anni, 3 nella fascia 70-79 anni, 2 fra gli over 80.

 

Anche questa settimana restano significative le differenze di copertura fra i Comuni della provincia di Rimini. Considerando questa volta chi ha ricevuto almeno una prima dose di vaccino, nei centri sopra i 10mila abitanti, la media più alta resta Santarcangelo (78,8%); seguono Bellaria e Coriano (77,8%), Verucchio (76,2%), Rimini (75,8%), Riccione (74,8%), Misano (74,6%), Cattolica (71,2%).

Ultimi Articoli

Scroll Up