Home > La puèšia ad Muratori > Da e’ Pòunt a l’Èrc

E’ Pòunt d’Tibérie e’ fà,
da uscìda da la zità,
e la s’ataca ilé,
la Via Emìglia per Furlè.

L’è stè fat da i Rumèn,
per tachèl me decumèn,
ch’us tròva zà in lìnea,
a sud sla via Flamignia.

L’arìv l’è e’ punt èšat,
per sustnì un manufat,
e’ stupènd Èrc d’Augòst,
custruid sa èrt e góst.

Quel l’è un èrc triunfèl,
e jà fat bèin a fèl,
i Rumèn sa maestria,
a l’imbòc ad cla via.

In gn’à mès e’ purtòun,
per la ciarésma rašòun,
ch’un’è un gabinèt,
duvè che al pòrti lis mèt.

Lèrg una èšgèraziòun,
per fè pasè la legiòun,
che quand l’èra inquadrèda,
la ciapèva tót la strèda.

Us pò dì che incóra e’ fà,
da prima pòrta dla zità,
säta ui pasa sna i pidun,
sóra i fà e’ nid i pizun.

Di Rimnìš maleduchèd,
jàvéva custruì ilé tachèd,
j’avù un bèl curag,
fè ma l’èrc tènt ultrag.

Mo e’ mat u jà pèins ló,
cal chèši a butèli zó,
l’à fat piaza pulida,
sa tót la zèinta impaurida.

Sóbit dòp un ènt sfrégg,
jà mès ad fiènc dó parchèg,
l’è stè un mèz pastròć,
per l’èrc un dèda t’un òć.

Furtuna che jà cavè,
finalmèint jà mes ilé,
un po’ d vérd s’un spiazèl,
che per l’èrc u n’è miga mèl.

Ivano Aurelio Muratori

DAL PONTE ALL’ARCO

Il Ponte di Tiberio fa,/ da uscita dalla città,/ e si attacca lì,/ la Via Emilia per Forlì.

È stato fatto dai Romani,/ per attaccarlo al decumano,/ che si trova già in linea,/ a sud con la Via Flaminia.

L’arrivo è il punto esatto,/ per sostenere un manufatto,/ lo stupendo Arco d’Agusto,/ costruito con arte e gusto.

Quello è un arco trionfale,/ e hanno fatto bene a farlo,/ i Romani con maestria,/ all’imbocco di quella via.

Non c’han messo il portone,/ per la chiarissima ragione,/ che non è un gabinetto,/ dove le porte si mettono.

Largo una esagerazione,/ per far passare la legione,/ che quand’era inquadrata,/ prendeva tutta la strada.

Si può dire che ancora fa,/ da prima porta della città,/ sotto ci passano solo i pedoni,/ sopra ci fanno il nido i piccioni.

Dei Riminesi maleducati,/ avevano costruito in adiacenza,/ hanno avuto un bel coraggio,/ fare all’arco tanto oltraggio.

Ma il matto,/ c’ha pensato lui,/ quelle case a buttarle giù,/ ha fatto piazza pulita,/ con tutta la gente impaurita.

Subito dopo un altro sfregio,/ gli hanno messo di fianco due parcheggi,/ è stato un mezzo pastrocchio,/ e per l’arco un dito in un occhio.

Fortuna che li han tolti,/ finalmente han messo lì,/ un po’ di verde con uno spiazzale,/ che per l’arco non è mica male.

Ultimi Articoli

Scroll Up