Home > Ultima ora sport > Deceduto l’impenditore pesarese Giovanni Ranocchi. Ha fatto crescere Il basket riminese

Deceduto l’impenditore pesarese Giovanni Ranocchi. Ha fatto crescere Il basket riminese

E’ deceduto la notte scorsa all’ospedale San Salvatore di Pesaro, Giovanni Ranocchi, conosciutissimo e stimato imprenditore pesarese. Da giorni era ricoverato all’ospedale di Pesaro dopo essere stato colpito dal coronavirus. Aveva 76 anni

Giovanni Ranocchi, amministratore unico della Ranocchi Software, ha legato il suo nome alla città di Pesaro e allo sport sponsorizzando squadre di football americano, volley e basket.

Ranocchi era anche molto conosciuto a Rimini dove per anni ha contribuito alla crescita del basket riminese.

La prima alleanza a Rimini l’ha stretta nel 1995. All’epoca Giovanni Ranocchi guidava Teamsystem e in biancorosso giocava  Carlton Myers. Le strade dell’imprenditore e quella dello sport riminese si sono poi incrociate nuovamente quando Ranocchi nel 2002 è entrato nel capitale di Nts Informatica di Rimini e insieme ai nuovi soci ha fondato un nuovo gruppo di aziende, grazie all’acquisizione di alcune software factory italiane. Il logo Nts per tre anni è stato sulle maglie del basket riminese. Aveva anche sponsorizzato la Fortitudo Bologna dell’amico Myers.

La società Rinascita Basket Rimini “si unisce al cordoglio per la scomparsa di Giovanni Ranocchi,  conosciuto non solo per i suoi successi nel campo dell’industria informatica ma anche per la sua passione per il basket, al quale si avvicinò negli anni ‘90 sponsorizzando il Basket Rimini col marchio Teamsystem, per poi tornare a supportare la pallacanestro della nostra città qualche stagione fa, quando il marchio NTS Informatica campeggiò sulle canotte dei Crabs in serie B, oltre ai vari abbinamenti con basket, volley e football americano promossi negli anni nella sua Pesaro.  

Grandissimo amante della palla a spicchi, del gioco di squadra e del lavoro duro, ci lascia in eredità il suo sorriso, il suo ottimismo, la voglia di fare e di migliorarsi sempre e comunque, il senso di responsabilità individuale che batte ogni gerarchia auto-imposta.
Il pensiero del mondo RBR, oggi, va ai suoi cari ai quali ci stringiamo in un sentito abbraccio.”

Scroll Up