Home > Economia > Decreto Sostegni-bis, dalla cassa integrazione al turismo ai ristori: tutte le misure e i bonus

Decreto Sostegni-bis, dalla cassa integrazione al turismo ai ristori: tutte le misure e i bonus

Contiene 77 articoli il decreto Sostegni bis approvato dal Consiglio dei ministri.

I principali punti.

  • NUOVI RISTORI – Ammonta a oltre 15 miliardi lo stanziamento per l’acconto e il saldo dei nuovi ristori. Il governo stanzia 8 miliardi per una nuova tranche di sostegni da erogare in automatico da subito per chi ha subito perdite, secondo lo schema già attuato in passato. Stanziamento da 3,4 miliardi per chi sceglierà il nuovo calcolo del calo dei ricavi, ovvero un sistema in base al quale l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1 aprile 2020 al 31 marzo 2021 sia inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1 aprile 2019 al 31 marzo 2020. Il contributo non potrà superare i 150 mila euro come nelle altre edizioni dei ristori. Inoltre il dl stanzia 4 mld per il conguaglio di fine anno sulla base dei risultati di esercizio
  • Bonus spesa, affitto e bollette per le famiglie in difficoltà con uno stanziamento di 500 milioni, da ripartire sulla base dei seguenti criteri:
  • a) una quota pari al 50% del totale, per complessivi euro 250 milioni, è ripartita in proporzione alla popolazione residente di ciascun comune;
  1. b) una quota pari al restante 50%, per complessivi euro 250 milioni, è ripartita in base alla distanza tra il valore del reddito pro capite di ciascun comune e il valore medio nazionale, ponderata per la rispettiva popolazione.
  • Estensione e proroga del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda

  • Agevolazioni Tari. In relazione al perdurare dell’emergenza epidemiologica, al fine di attenuare l’impatto finanziario sulle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività, è istituito, nello stato di previsione del Ministero dell’interno, un fondo con una dotazione di 600 milioni di euro per l’anno 2021, finalizzato alla concessione da parte dei comuni di una riduzione della Tari.
  • Più risorse per il turismo. Il comparto turistico nel complesso incassa 3,34 miliardi di risorse che si aggiungono al miliardo e sette del primo decreto Sostegni. Arrivano altri 150 milioni per il Fondo a sostegno del settore del turismo e per rifinanziare il bonus alberghi. Il provvedimento prevede inoltre – “per il rilancio della attrattività turistica delle città d’arte” – un ulteriore Fondo, istituito al ministero del Turismo, con una dotazione di 50 milioni per il 2021.
  • Bonus vacanze. Confermato anche l’ampliamento del bonus vacanze, che si potrà usare anche nelle agenzie di viaggio e presso i tour operator oltre agli hotel, agli agriturismi e ai B&B
  • Fondo per le attività chiuse. Per le attività economiche chiuse per effetto dei decreti anti-Covid per un periodo complessivo di almeno quattro mesi a partire dal 1° gennaio 2021 è istituito il “Fondo per il sostegno alle attività economiche chiuse”, con una dotazione di 100 milioni di euro per l’anno 2021
  • Sostegno agli stagionali e lavoratori dello spettacolo. Per gli stagionali ci sono 737,6 milioni (riproposte misure decreto Sostegno ed una tantum di 1.600 euro per soggetti previsti dall’art.10 del DL 41/21; altra una tantum di pari importo, non cumulabile, per lavoratori stagionali del settore turistico, stabilimenti termali e dello spettacolo).

Il ministro del lavoro Andrea Orlando

  • Aiuti acquisto prima casa. Confermati gli aiuti all’acquisto della prima casa per i giovani under 36 titolari di un rapporto di lavoro atipico. Fino al 30 giugno 2022 le domande presentate da chi presenta Isee inferiore a 30 mila euro hanno la priorità e la misura massima della garanzia concedibile è elevata all’80% della quota capitale. La dotazione del Fondo di garanzia è incrementata di 290 milioni per il 2021.
  • Contratto di rioccupazione. Arriva il contratto di rioccupazione fino al 31 ottobre 2021. Ai datori di lavoro privati, con esclusione del settore agricolo e del lavoro domestico, che assumono lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, è riconosciuto, per un periodo massimo di sei mesi, l’esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, fino a 6.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile.
  • Reddito d’emergenza, altri 4 mesi. Per l’anno 2021 sono riconosciute, su domanda, ulteriori quattro quote di reddito di emergenza relative alle mensilità di giugno, luglio, agosto e settembre 2021. La quota per ogni mensilità, come previsto dal decreto Rilancio e dal decreto Sostegni, va da 400 a 800 euro. La domanda può essere presentata all’Inps entro il 31 luglio 2021
  • Stanziamenti per l’agricoltura. Previsto un pacchetto da 2 miliardi per l’agricoltura. Per l’indennità operai lo stanziamento è di 448 milioni. 72,5 milioni di euro sono previsti per l’esonero dei contributi previdenziali e assistenziali dei datori di lavoro e lavoratori autonomi di aziende agricole appartenenti ai settori agrituristico e vitivinicolo, comprese aziende roduttrici di vino e birra; 27,5 milioni di euro per il sostegno alla zootecnia mediante l’incremento al 9,5% delle percentuali di compensazione IVA applicabili a cessioni di bovini e suini vivi.

Ministro economia Daniele Franco

  • Assunzioni nella scuola. Il decreto Sostegni-bis contiene l’avvio del concorso ordinario: sono oltre 500 mila i candidati. La procedura partirà subito ma sarà graduale, si comincia infatti con i docenti di materie STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica), di cui c’è grande penuria, per poi proseguire di seguito con le altre figure.
  • Sostegni alle società sportive. Al fine di sostenere gli operatori del settore sportivo interessati dalle misure restrittive, è stato istituito un fondo con una dotazione di 56 milioni di euro, che costituisce tetto di spesa, al fine di riconoscere un contributo a fondo perduto a ristoro delle spese sanitarie per l’effettuazione di test di diagnosi dell’infezione da Covid-19, in favore delle società sportive professionistiche che nell’esercizio 2020 non hanno superato il valore della produzione di 100 milioni di euro e delle società ed associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro CONI operanti in discipline ammesse ai Giochi olimpici e paraolimpiche.
  • Sostegno Alitalia. Stanziamenti di 100 milioni di euro e della durata massima di sei mesi, da utilizzare per la continuità operativa e gestionale, per Ita, la newco di Alitalia.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up