Home > Ultima ora cronaca > Dimesso dall’ospedale dopo l’infarto muore. Riesumato il corpo per l’autopsia

Dimesso dall’ospedale dopo l’infarto muore. Riesumato il corpo per l’autopsia

Su richiesta della famiglia, che ha presentato un esposto in Procura, la salma del loro congiunto, deceduto a 45 anni, dopo essere stato sottoposto a delle cure cardiologiche per un infarto, verrà riesumata per poter effettuare l’autopsia.

L’uomo di Misano, ristoratore, si era sentito male durante il periodo natalizio. Dopo un primo intervento all’ospedale di Cattolica è stato trasferito all’ospedale di Rimini nel reparto di Emodinamica per le cure.

Durante i due giorni di ricovero gli era stato inserito uno stent e fatto un’angioplastica. Al terzo giorno era stato dimesso, con una prognosi positiva.

Purtroppo dopo pochi giorni la situazione è precipitata portando l’uomo alla morte. La famiglia tramite l’avvocato, Stefano Caroli, ha presentato un esposto in procura e sulla base di una perizia ha richiesto la riesumazione del corpo del congiunto per poter svolgere un’autopsia. Infatti secondo l’esperto nominato dai famigliari la sola cartella clinica con la documentazione allegata è insufficiente per stabilire le reali cause del decesso. Alle stesse conclusioni è giunto il consulente nominato dal sostituto procuratore Davide Ercolani.

A fine settimana la salma verrà riesumata per chiarire le cause della morte e valutare se vi sono eventuali responsabilità dei sanitari che hanno curato il 45enne

Scroll Up