Home > La puèšia ad Muratori > D’instèda cus ch’us magna?

Adèss ch’l’è instèda,
dašiv una rigulèda,
andè pianin sè magnè,
che e’ chèld uv la fà paghè.

Un si pò fè e’ pataca,
e magnè a straza saca,
che e’ va só la presiòun,
sè rés-ce d un s-ciupòun.

Qualche bòna šbaghinèda,
las pò fè dòp dl’instèda,
féla òzdé, sla calura,
l’è ‘na ròba da paura.

Adès magnè ligérin,
l’è sà un èt ad strachin,
un pumidòr, una caròta,
per durmì tóta la nòta.

Durènt e dé fróta frèsca,
ch’la fà bòn, la rinfrèsca,
la fa fè la pèla bèla,
sèinza bšägn da sfratazèla.

Pòca pasta, sa pòc pèn,
gnint parsót, còpa e salèm,
sultènt un òv, un furmain,
e’ stómghi mèj ch’un sia pìn.

Bòni al bièduli e zuchini,
ch’agl’jè tóti vitamini,
i radéć, l’insalèda,
peró sèinza la pièda.

Nu pensè mal tajadèli,
mi grasul, mal custarèli,
tóta ròba ch’la ingrasa,
e la fà sudè ‘na masa.

Jè gióst per sta stašòun,
sia e’ còmbre che e’ mlòun,
zudarnèl, fnòć, radišèin,
pivarun e fašulèin.

La chèrna na, bšägna arangès,
si pól, cunèj e de gran pès,
tóta róba da fè aròst,
dai prim ad zóng fin’agäst.

Mè ch’a sò tré vòlti nòn,
a m’intènd ad nutrziòun,
magnè isé dašim réta,
ch’a fašì mènc dla dièta.

A sètèmbre s’a jarvè,
a cminzè dl’èlt a magnè,
ai dé drèinta a fè e’ pin,
av magnè un mèz baghin.

Ivano Aurelio Muratori

D’ESTATE COSA SI MANGIA?

Adesso che è estate,/ datevi una regolata,/ andate pianino col mangiare,/ che il caldo ve la fa pagare.

Non si può fare il pataca,/ e mangiare a straccia bisaccia,/ che va su la pressione,/ col rischio di un accidente.

Qualche buona sbaghinata,/ si può fare dopo l’èstate,/ farla oggi con la calura,/ è una roba da paura.

Adesso mangiate leggerino,/ è abbastanza un etto di stracchino,/ un pomodoro, una carota,/ per dormire tutta la notte.

Durante il giorno frutta fresca,/ che fa bene, rinfresca,/ fa fare la pelle bella,/ senza bisogno di levigarla.

Poca pasta con poco pane,/ niente prosciutto, coppa e salame,/ soltanto un uovo, un formaggino/ meglio che lo stomaco non sia pieno.

Buone le bietole e le zucchine,/ che son tutte vitamine,/ i radicchi, l’insalata,/ però senza la piada.

Non pensate alle tagliatelle,/ ai ciccioli, alle costarelle,/ tutta roba che ingrassa,/ e fa sudare molto.

Sono giusti per questa stagione,/ sia il cocomero che il melone,/ cetrioli, finocchi e radicchini,/ peperoni e fagiolini.

La carne no,/ bisogna arrangiarsi,/ con polli, conigli e del gran pesce,/ tutta roba da fare arrosto,/ dai primi di giugno a fine agosto.

Io che son tre volte nonno,/ me ne intendo di nutrizione,/ mangiate così datemi retta,/ che fate a meno della dieta.

A settembre se ci arrivate,/ ricominciate a mangiare,/ ci date dentro fate il pieno,/ vi mangiate un mezzo maiale.

Ultimi Articoli

Scroll Up