Home > Ultima ora politica > Diritti Lgbt, Alice Parma al tavolo nazionale in rappresentanza delle Province

Diritti Lgbt, Alice Parma al tavolo nazionale in rappresentanza delle Province

“Come Unione delle Province siamo orgogliosi di essere presenti a questo tavolo nazionale per lavorare in piena condivisione con il governo a definire una strategia unitaria che faccia fare all’Italia i passi in avanti indispensabili nel rispetto dei diritti delle persone Lgbt. Ringraziamo la ministra Bonetti per avere avviato questo percorso, che è necessario al nostro Paese ancora troppo arretrato nella classifica sull’uguaglianza di tutte le persone, e per avere voluto le Province a questo confronto. Il nostro contributo alla definizione della strategia nazionale è pieno”. Lo ha detto Alice Parma, Consigliera della Provincia di Rimini e sindaca di Santarcangelo, delegata Upi alla cabina di regia sulla strategia nazionale per il rispetto dei diritti Lgbt istituita dalla Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti, cui partecipano rappresentati di tutto il governo.

“Le Province – ha ricordato la rappresentante Upi – hanno tra le funzioni fondamentali quelle per la vigilanza del rispetto delle pari opportunità, ruolo a cui teniamo molto e che intendiamo sempre più valorizzare. Inoltre, considerato che ci occupiamo della gestione dell’edilizia scolastica superiore, siamo un canale di comunicazione diretta con i 2 milioni e 500 mila ragazzi e ragazze studenti medi, che devono essere i primi destinatari di un dialogo e confronto sui temi dell’uguaglianza e della parità. Temi, tra l’altro, che entrano a pieno nelle sei azioni della strategia nazionale che la Ministra Bonetti ci ha descritto”.

“Crediamo fermamente – ha concluso Alice Parma – che per garantire efficacia alle azioni che saranno messe in atto sia indispensabile una azione di governo condivida tra tutte le istituzioni, insieme alle associazioni e alle forze politiche e sociali. Solo con una azione sinergica potremo riuscire a vincere questa sfida di garanzia di diritti a tutte e tutti”.

(Lum/ Dire)

Ultimi Articoli

Scroll Up