Home > La puèšia ad Muratori > E’ cafè te lèt

Nun te lèt a sém in dó,
quand us trata da stè só,
per priparè e’ cafè,
as mitém a quis-ciunè.

Mè an vòj sla mi spóša,
mètme a fè tèsta o cròša,
che tènimòdi a pèrd mè,
e um tucaria fèl tót i dé.

Sicóm che t chèša mia,
u jè la democrazia,
e parità fra dòna e òm,
la va léa ch’la l fà bòn.

La s’èlza me de lèt,
sal mudandi e’ regipèt,
cumè un anzul s’agl’jèli,
las bòta zó mal schèli.

Tla cušèina du ch’u jè,
quèl ch’ui vò per e’ cafè,
zòchèr, tazi, cucér, piat,
e lal fà cum ch’e’ va fat.

Te zir d’un quèrt d’óra,
la me pòrta fin’ ad cióra,
per fè pèri ai dàg un bèš,
ch’ès sèrvid um pièš.

Pu la rid, forse perché,
e’ dé dòp e’ stà mu mè,
d’éltra pèrta tót i dé,
léa la né disposta a fèl.

Al faz mè, an m’agrèst,
tènimòdi us fà mòlt prèst,
ad vòja a n’ò puchina,
per via de mèl ad schina.

Mè an sò un sgraziadaz,
un bòn cafè a jè faz,
da serviglie a sò cuntèint,
e al faz s’jèćć suridèint.

A jè pòrt, e ai dég perché,
t’è vlù spušè mu mè,
ch’a faz e’ camiunèsta,
duvèvte tò un barèsta.

Ut avria fat e’ cafè,
an sò quanti vòlti e’ dé,
e ut l’avria pòrt te lèt,
sèinza fè tènt minuèt.

Adès an vòj divurzié,
perché an vòj fè cafè,
mo gnènca fél còntra vòja,
tè chèš fal té pòrca bòja.

Ivano Aurelio Muratori

IL CAFFÈ NEL LETTO

Noi nel letto siamo in due,/ quando si tratta di star su,/ per preparare il caffè,/ ci mettiamo a questionare.

Io non voglio con la mia sposa,/ mettermi a fare testa o croce,/ che tanto perdo io,/ e mi toccherebbe farlo tutti i giorni.

Siccome che a casa mia,/ c’è la democrazia,/ e la parità fra uomo e donna,/ ci va lei che lo fa buono.

Si alza dal letto,/ con le mutande e il reggipetto,/ come un angelo con le ali,/ si butta giù per le scale.

Nella cucina dove c’è,/ quello che ci vuole per il caffè,/ zucchero, tazze, cucchiai, piatti,/ e lo fa come va fatto.

Nel giro di un quarto d’ora,/ me lo porta fin di sopra,/ per far pari le dò un bacio,/ che essere servito mi piace.

Poi ride, forse perché,/ il giorno dopo sta a me,/ d’altra parte tutti i giorni,/ lei non è disposta a farlo.

Lo faccio io, non mi dispiace,/ tanto si fa molto presto,/ di voglia ne ho pochi na,/ per via del mal di schiena.

Io non sono un disgraziato,/ un buon caffè glielo faccio,/ di servirglielo son contento,/ lo faccio con gli occhi sorridenti.

Glielo porto e le dico perché,/ mi hai voluto sposare?/ Che faccio il camionista,/ dovevi prendere un barista.

Ti avrebbe fatto il caffè,/ non so quante volte al giorno,/ e te lo avrebbe portato nel letto,/ senza tanti minuetti.

Adesso non voglio divorziare,/ perchè non voglio fare il caffè,/ ma neanche farlo contro voglia,/ nel caso fallo tu porca boia.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up