Home > La puèšia ad Muratori > E’ cuncèrt di raztèin

Tótt i dé dòp dl’alvèda,
la cminza la cantèda,
d’un còr fat ad raztèin,
fra jèrbur de mi zardèin.

I gurghègia tótt arzèl,
óra si fés-ce óra si tréll,
is cèma e pu i s’arcèma,
e i sèlta da rèma a rèma.

Us capès ch’i vò ch’a sènta,
ènca per mè lór i chènta,
sina in saria sèimpre ilé,
per nisun in vò cantè.

Per davéra un bèl cuncèrt,
fat da tré quatre rèpèrt,
u jè chi zófla u jè chi chènta,
sa pòca vòša o sa tènta.

Chi ui dà pièn, chi pjó fòrt,
cumè i tast de pianofòrt,
jacòrd jè tót cašuèl,
tótavì sèimpre bèl.

Un ušignól l’è fra lór,
virtùoš cume un ténór,
s’na vóša che la spaca,
e ch’jèlt zét quand ch’ e’ täca.

E’ fà un pèz da par ló,
da pièn e’ va só só,
una putèinza vuchèla,
ch’las sint sna ma la Schèla.

L’intòna una mèlodja,
dólza e pina d’aligria,
da quant ch’ la j’è bèla,
la fà strimulì la pèla.

Quand al sìnt, mè a scap fóra,
brèv ai dég, dai chènta incóra,
e su chènt l’è sublim,
l’ušignól sèimpre prim.

Che sia brèv ló ul capès,
per e’ fat che e’ stupès,
l’è sna un po’ vanitóš,
per un chènt tènt meludiòš.

Ivano Aurelio Muratori

IL CONCERTO DEGLI UCCELLINI

Tutti i giorni dopo la levata,/ comincia la cantata,/ di un coro fatto di uccellini,/ fra gli alberi del mio giardino.

Gorgheggiano tutti arzilli,/ ora coi fischi ora coi trilli,/ si chiamano e poi si richiamano,/ e saltano da ramo a ramo.

Si capisce che vogliono che ascolti,/ anche per me loro cantano,/ se no non sarebbero sempre lì,/ per nessuno non vogliono cantare.

Per davvero un bel concerto,/ fatto da tre quattro reparti,/ c’è chi zufola, c’é chi canta,/ con poca voce o con tanta.

Chi ci dà piano, chi più forte,/ come i tasti del pianoforte,/ gli accordi sono tutti casuali,/ tuttavia sempre belli.

Un usignolo è fra loro,/ virtuoso come un tenore,/ con una voce che spacca,/ e gli altri zitti quando comincia.

Fa un pezzo da solo,/ da piano va su su,/ una potenza vocale,/ che si sente solo alla Scala.

Intona una melodia,/ dolce e piena d’allegria,/ da quanto è bella,/ fa rabbrividire la pelle.

Quando lo sento io esco,/ bravo gli dico, dai canta ancora,/ il suo canto è sublime,/ l’usignolo sempre primo.

Che sia bravo lui lo capisce,/ per il fatto che stupisce,/ è solo un po’ vanitoso,/ per un canto tanto melodioso.

Ultimi Articoli

Scroll Up