Home > Ultima ora cronaca > E’ deceduto Roberto Moretti. Il ricordo di Filippo Sacchetti, Alice Parma, Andrea Gnassi

E’ deceduto Roberto Moretti. Il ricordo di Filippo Sacchetti, Alice Parma, Andrea Gnassi

Questa notte è deceduto all’ospedale Infermi di Rimini Roberto Moretti 49 anni, responsabile commerciale di Meridiana allestimenti, ex amministratore del Comune di Santarcangelo e Militante del Pd di Santarcangelo.

I funerali si svolgeranno giovedì 30 gennaio alle ore 15 presso la chiesa di San Vito. Rosario martedì 28 alle orer 20 chiesa di San Vito

Di seguito il ricordo del segretario provinciale del Pd Filippo Sacchetti.

“Ciao Robi. In questa notte infinita dei risultati elettorali, so che hai aspettato che fosse tutto a posto per salutarci. E’ andata bene. Ne avevamo parlato anche l’altro giorno, quando in realtà me la facevo sotto. Ma eravamo abituati a sfogarci qualche giorno prima del voto. E’ stato così anche a Maggio, quando non si capiva niente, quando per dei mesi ci siamo incontrati e confrontati su come fare per Santarcangelo.

Eri perplesso all’inizio, era qualche anno che eravamo più distanti, ma poi ti sei buttato, ancora una volta, dando tutto quello che avevi per il tuo paese, per la tua gente, per quei ragazzi a cui hai sempre voluto bene. “ci sono perché ci sei te, perché ci siete voi” me l’avrai detto 1000volte.

Ci siamo uniti attorno a questo: alla passione per la politica e le cose fatte insieme, all’amore per la nostra città. Specificato che il tuo paese era prima di tutto San Vito.

E ti giuro che vorrei fermarmi qui coi ricordi. Ma in realtà la strada che ci ha unito è stata lunga. Siamo stati insieme a tanti di quei congressi e incontri che non si tiene il conto. Noi diciottenni e te a spiegarci tutto come funzionava. Poi la vita di partito, le feste, te orgoglioso della festa dell’unità di viserbella e ancora di più di quella di san Vito. E quella strana coincidenza: se smetti di fare la festa te, la festa non si fa più. Mi ricordo quando guardavamo alla tv le elezioni di Obama nel 2008 e te che ci dici “ades chembia e mond, us toca cambiè enca ma neun”. Siamo andati alle elezioni, Mauro è stato eletto sindaco, eravamo contenti. Qualcosa stava cambiando. Qualche anno dopo è toccato a noi. Siamo stati insieme in giunta in un paio d’anni che sono volati. E poi ancora campagna elettorale. E quel giorno che dovevamo chiudere in piazza con una paura incredibile che una piazza così grande fosse vuota, te con l’intuizione: “portiamo due scuole di ballo che per ogni ballerino ci sono 3 parenti”. Avevi ragione, piazza piena fino al comizio di Alice. E gli anni dopo nel fiume, con le imprese, con Arrigo e Saverio, a interessarti della polizia municipale. Osservare e curare il territorio. Una missione da cui non ti saresti mai tirato indietro.

Ti saluto con questa foto del 2006, quando è cominciata sta avventura incredibile, che sono contento di aver vissuto insieme.

Questo eri te. Amato, odiato, come tutti. Ma libero. Un’anima fragile che non me la posso prendere se ne sia andata via troppo presto. Mi mancherai, grazie di tutto.”

Il ricordo di Alice Parma sindaco di Santarcangelo

“Aggiungo anche le mie parole a quelle di Filippo e Andrea per provare a raccontare chi eri, la passione e l’altruismo che ti hanno portato a fare politica, i momenti vissuti insieme a volte felici a volte tristi.

La tristezza oggi è il sentimento dominante, perché quando arriva il momento di dire addio al compagno di tante battaglie politiche, a una persona di valore, a un amico, il cuore diventa pesante. Ci siamo voluti bene come ci si vuole bene tra amici veri. Insieme abbiamo affrontato i cambiamenti con orgoglio, coraggio, e guardandoci negli occhi ci siamo sempre ritrovati.

Ci sono stata nei momenti di passaggio della tua vita, e tu c’eri nei miei. Ricordo ancora quando l’8 marzo 2014 mi hai spinta su quella piazza, dicendomi “Forza abbiamo bisogno di te!”. E invece ero io ad aver bisogno di te, tu mi hai dato la forza di salire su quel palco, perché c’eri e sapevi esserci quando era il momento.

Adesso invece non ci sei più, ma quello che sei stato e quello che hai fatto per Santarcangelo, per San Vito, per ciascuno di noi, rimarrà negli occhi e nella testa di chi ti ha conosciuto e ti ha voluto bene.

Ciao Robi, grazie di cuore per tutto”

Anche il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi ha ricordato Roberto Moretti

“Ci hai lasciato stamattina. Hai aspettato stanotte, Roberto amico mio, compagno nostro di mille battaglie. Ma sei qui con noi. E ti porteremo con amore. Sarai con noi per come ti abbiamo conosciuto. Forte, fragile, coraggioso, onesto, ironico. No Roberto “ i n la privatêza la sanità”, anche quella che ti ha accompagnato. E lavoreremo con le nostre idee, per chi ci sostiene e per chi no. Con passione e tenacia. Lo abbiamo imparato da ragazzi e ce lo porteremo dentro. Che tu possa amare libero, da lassù. Ti abbraccio col sorriso di questa foto mentre mi dici “oscia ad bota, ai lavem fata anche stavolta”

Foto di copertina Roberto Moretti a sinistra con Filippo Sacchetti

Scroll Up