Home > La puèšia ad Muratori > E’ duèl sè spèć

T at divèrt a fè e’ spèć,
e a fém véda ch’a sò vèć,
mi bušèrd mè an gni créd,
falsità quèli ch’a véd.

E té t’insèst, t at dè da fè,
per fèm véda quèl ch’u n’è,
tót cla pèla ingrinzida,
e inchèrtapigurida.

T am la šbat säta e’ nèš,
perché ai pòsa fè chèš,
e mè ch’a faz l’indièn,
e am la tir sè sugamèn.

L’è tótt i dé e’ stèss duèl,
mè ch’ am crèd incóra bèl,
sla faza che lam ghèrba,
enca sa d’u pil ad bèrba.

Tè, vigliac, tam rinfaz,
da ès un viš de caz,
sla pèla incrispèda,
ròvda cmé chèrta vidrèda.

U jè ‘na fòrza drèinta ad mè,
ch’lam fà dì che isé u n’è,
mè ch’a sò òm ad fèda,
intènimodi a jò da crèda.

Ivano Aurelio Muratori

IL DUELLO CON LO SPECCHIO

Ti diverti a fare lo specchio,/ e a farmi vedere che sono vecchio,/ ai bugiardi non ci credo,/ falsità quelle che vedo.

E tu insisti, ti dai da fare,/ per farmi vedere quello che non è,/ tutta quella pelle raggrinzita,/ e incartapecorita.

Me la sbatti sotto al naso,/ perché ci possa fare caso,/ e io che faccio l’indiano,/ me la tiro con l’asciugamano.

È tutti i giorni lo stesso duello,/ io che mi credo ancora bello,/ con la faccia che mi garba,/ anche con due peli di barba.

Tu vigliacco mi rinfacci,/ di essere un viso del cazzo,/ con la pelle increspata,/ ruvida come la carta vetrata.

C’è una forza dentro di me,/ che mi fa dire che così non è,/ io che sono uomo di fede,/ in tutti i modi ci devo credere!

Ultimi Articoli

Scroll Up