Home > La puèšia ad Muratori > E’ gat cazadór

E’ gat stéš té zardèin,
cus ch’e’ guèrda un si sa bèin,
chisà cus ch’l’à tla tèsta,
forse al bèlvi e la furèsta.

Du ch’l’è u ne véd nisun,
e’ dà la caza mi pizun,
mal lušérti, m’jušlin,
l’è un liòun simbèin znin.

L’à e’ fè de cazadór,
e’ va dré ma l’udór,
e’ va só se trònc de pégn,
s’agl’jóngi us tèin me lègn.

E da cazadór èspèrt,
e’ tròva i raz a bèc vért,
ch’i ciula e jaspèta ilé,
un ambrišul da magnè.

E’ gat u ni sparàgna,
int un pcòun u si màgna,
cmè ‘na bélva afamèda,
e’ pulés la nidièda.

Us lèca i bafie sudisfat,
e cuntèint ad quel ch’l’à fat,
quand té nid un gne n’è pjó,
lutun lutun e’ smònta zó.

L’ èintra t chèša du ch’u j’è,
la su ròba da magnè,
tun cantòun, tun piatlin,
al cruchèti se mangim.

Che ló però e’ lasa ilé
e us diš drèinta ad sé:
am sò stóf ad sta rubaza
per fòrza ch’a vag a caza!

Ivano Aurelio Muratori

IL GATTO CACCIATORE

Il gatto steso nel giardino,/ cosa guarda non si sa bene,/ chissà che cosa ha nella testa,/ forse le belve e la foresta.

Dov’è non lo vede nessuno,/ dà la caccia ai piccioni,/ alle lucertole agli uccellini,/ è un leone sebbene piccolo.

Ha il fare del cacciatore,/ segue l’odore,/ va su sul tronco del pino,/ con le unghie si tiene al legno.

E da cacciatore esperto,/ trova gli uccellini a becco aperto,/ che pigolano e aspettano lì,/ un lombrico da mangiare.

Il gatto non li risparmia,/ in un boccone se li mangia,/ come una belva affamata,/ pulisce la nidiata.

Si lecca i baffi soddisfatto,/ e contento di quello che ha fatto,/quando nel nido non ce n’è più,/ lentamente scende giù.

Entra in casa dove c’è,/ la sua roba da mangiare,/ in un angolo, in un piattino, le crocchette e il mangime.

Che lui però lascia lì,/ e si dice dentro sé,/ mi sono stancato di sta robaccia,/ per forza che vado a caccia!

Ultimi Articoli

Scroll Up