Home > Ultima ora politica > E’ morto Fabrizio Matteucci ex sindaco di Ravenna. Il cordoglio del sindaco Gnassi

E’ morto Fabrizio Matteucci ex sindaco di Ravenna. Il cordoglio del sindaco Gnassi

E’ morto l’ex sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci, colpito da un malore. Esponente del Pd, è stato primo cittadino della città romagnola dal 2006 al 2016, per due mandati, e attualmente era direttore dell’Anci dell’Emilia-Romagna.

Dal 2000 al 2005 era stato consigliere regionale. Avrebbe compiuto 63 anni il 21 febbraio. Tra le altre cose, divenne noto a livello nazionale e non solo per la sue battaglie contro la prostituzione in strada. Ad esempio fu celebre un clamoroso annuncio (poi ritirato) su una possibile campagna fatta di scatti fotografici a trans e clienti a Lido di Classe, nel 2008.

In un’altra occasione versò in un tombino alcolici appena acquistati, in un secchiello, facendosi fotografare dai giornalisti, l’estate successiva.

Il cordoglio del sindaco di Rimini Andrea Gnassi

“Fabrizio amico mio, compagno nostro.
Non riusciamo ancora a credere. Una di quelle notizie che si conficcano nel cuore. Improvvisamente. Dolorosamente.
Se ne è andato un amico, Fabrizio Matteucci. Oggi non ce la faccio a scrivere di sentimenti o di comuni battaglie nella vita politica e amministrativa fianco a fianco, con i nostri valori e le nostre storie. Nel partito, in tanti cambiamenti della politica e delle istituzioni, Fabrizio ha sempre prestato il suo prezioso e puntuale lavoro, tutti i giorni e fino a ieri.

Come all’Anci dell’Emilia Romagna: un vero punto di riferimento, di analisi e di proposte e di aiuto a sindaci e amministrazioni locali.
Non ce la faccio oggi a dire troppo. Ci conosciamo da trent’anni, in una vita di politica, impegni, riunioni, confronti, amicizia. Fabrizio, sempre attento a stimolare e affiancare gli altri, a dare una mano ai più giovani, ieri come oggi.
Tengo per me i ricordi e stringo in un abbraccio la sua famiglia, la moglie Simona e il figlio Sayo.
Sei sempre stato una persona bella, rara. La dedizione vera al bene comune, la politica fatta per dare agli altri e mai per chiedere per sé. La tua è una perdita improvvisa e profonda per tutti noi e anche per i comuni di questa regione che attraverso l’Anci hai costantemente sostenuto e aiutato in questi anni.
Ti abbraccio Fabrizio”

Scroll Up