Home > La puèšia ad Muratori > E’ pastròć

Té pastròć iqué da nun,
ui si mèt i pivarun,
al mlanzèni, i pumidòr,
al zuchini, zväla e’ pòr.

Per e’ fat ch’us cèma isé,
tótt i créd da putèl fè,
e butè in té tighèm,
al vèrduri a caz de chèn.

Un pénsiér tótt šbajèd,
e’ pastròć tènt dilichèd,
l’à per ògni vardùra,
prèciš tèimp ad cutura.

Bšägna prima imparè,
cumè ch’u s’à da fè:
lis mèt zó una a la vòlta,
tl’òglie sa gnint ad sòrta.

Ènca se us céma pastròć,
ui vò ‘na muliga ad òć,
un guasta un po’ inzégn,
per zirèl se cucèr d lègn.

E’ vò còs ‘na mèzurèta,
finchè l’è ròba strèta,
sèinza ch’la sbruvèlda,
las mèt tla pièda chèlda.

Adiritura sa quèla,
a cundès la tajadèla,
a la mèt sóra i macarun
tènimòdi un mi véd nisun.

E’ pastròć e’ va bèin,
ènca mi vegetarièn,
lór chi magna sna vardura,
e dla chèrna jà paura.

Ivano Aurelio Muratori

IL PASTROCCHIO

Nel pastrocchio qui da noi,/ ci si mettono i peperoni,/ le melanzane, i pomodori,/ le zucchine, cipolle e porri.

Per il fatto che si chiama così,/ tutti credono di poterlo fare,/ e buttere nel tegame,/ le verdure alla cazzo di cane.

Un pensiero tutto sbagliato,/ il pastrocchio tanto delicato,/ ha per ogni verdura,/ precisi tempi di cottura.

Bisogna prima imparare,/ come si deve fare:/ si mettono giù una alla volta,/ nell’olio con niente di sòrta.

Anche se si chiama pastrocchio,/ ci vuole un po’ d’occhio,/ non guasta un po’ d’ingegno,/ per girarlo col cucchiaio di legno.

Vuole cuocere una mezzoretta,/ finché è roba stretta,/ senza che coli,/ si mette nella piada calda.

Addirittura con quella,/ condisco la tagliatella,/ la metto sopra i maccheroni,/ tanto non mi vede nessuno.

Il pastrocchio va bene,/ anche ai vegetariani,/ loro che mangiano solo verdura,/ e della carne hanno paura.

Ultimi Articoli

Scroll Up