Home > La puèšia ad Muratori > E’ piòv, a stém at chèša!

Ò dét ma la mi sgnóra,
òz un s’va a magné fóra,
e’ piòv a stém at chèša,
té métte pu e’ cór in péša.

L’è un còuntratèimp,
la cólpa l’è de tèimp,
sla piòva té tal sè,
ch’a faz fadiga a guidè.

Ad chèša a s’arpunsém,
vót savè pu cus ch’a fém?
mè ò un libre da lèz,
té un chél ad pès da fréz.

La m’à dét: bèl giudizie!
at faz la dòna ad sèrvizie,
a lavór tótt i sé dé,
e la dmènga at sèrv ma té.

Che pu t’è la prètéša,
da dì: òz a stém ad chèša,
tan ti scról e tan ti mòv,
perché ad fóra e’ piòv!

A jò arspòst bèin zantil,
s’ta ne vòja alóra dìl,
se t at crèd fóra urèrie,
at pèg e’ straurdinèrie.

Nu dìm ch’am n’aprufèt,
per fét fè du tré pés frét,
tènimòdi té tal sè,
che a mèzdè ém da magnè.

La m’à dét séria séria,
ch’a sò pin ad cativéria,
ch’a sò un malèduchèd,
ch’la va té sindachèd.

A jò duvù dè rašòun,
ch’an vòj la rivòluziòun,
sè sindached int e’ mèz,
sna perché léa lan vò fréz.

E per cum ch’am la sò vésta,
ò ciamè sóbti un tasèsta,
via drét té risturènt,
ch’an sò miga un ignurènt!

Ivano Aurelio Muratori

PIOVE, STIAMO IN CASA!

Ho detto alla mia signora,/ non andiamo a mangiare fuori,/ piove, stiamo in casa,/ mettiti pure il cuore in pace.

È un contrattempo,/ la colpa è del tempo,/ con la pioggia tu lo sai,/ che faccio fatica a guidare.

A casa ci riposiamo,/ vuoi sapere poi cosa facciamo?/ io ho un libro da leggere,/ tu un chilo di pesce da friggere.

Mi ha detto: bel giudizio!/ ti faccio la donna di servizio,/ lavoro tutti i sei giorni,/ e la domenica servo te.

Che poi hai la pretesa,/ di dire oggi stiamo in casa,/ non ti scuoti e non ti muovi,/ perché di fuori piove!

Le ho risposto ben gentile,/ se non hai voglia allora dillo,/ se ti credi fuori orario,/ ti pago lo straordinario.

Non dirmi che me ne approfitto,/ per farti fare due tre pesci fritti,/ tanto tu lo sai,/ che a mezzogiorno dobbiamo mangiare.

Mi ha detto seria seria,/ che son pieno di cattiveria,/ che sono un maleducato,/ e che va al sindacato.

Le ho dovuto dar ragione,/ che non voglio la rivoluzione,/ col sindacato nel mezzo,/ solo perché lei non vuol friggere.

E per come me la son vista,/ ho chiamato subito un tassista,/ via dritto al ristorante,/ che non son mica un ignorante!

Ultimi Articoli

Scroll Up