Home > La puèšia ad Muratori > E’ radun di pénsiunèd

Tótt i dé säta e’ cumun,/ i pénsiunèd i fà e’ radun,/ s’ na paura dla Madòna,/ da ciapè e’ virus corona.

Da sdè sóra ‘na pènca,/ sla paura ch’la è tènta,/ zà che paréćć in gn’è pjó,/ jà ciap e’ virus e j’è andè só.

Mo lór èmènc da un po’ dé,/ meda chèša i pò scapè,/ e quand i scapa is mèt prima,/ brèt, guènt e maschèrina.

E quand j’è in adunènza,/ i mantèin la distènza,/ d’un métre un da cl’èlt/, sèinza fè né scat né sèlt.

E’ pjó vèć u s’èlza in pid,/ e’ e’ täca a zcär de covid,/ tót ch’ jèlt i stà da sintì,/ u jè chi pianz, chi pèsta i pì.

Un ènt e’ diš mè a sò nòn,/ tót i dé im fà e’ tampòun,/ ò zà fat l’abunamèint,/ se scòunt de dièš per zènt.

E’ su všèin, un bel vcin,/ e’ diš mè ò fat zà i du vacin,/ ste virus u n’è un schèrz,/ aspèt sna da fè e’ tèrz.

S’ajò pu un po’ d fèvrina,/ a tòg la tachipirina,/ a faz ènca di fumèint,/ che me virus a l’indurmèint.

Quel dré d ló ui dà rašòun,/ ui diš sla vacinaziòun,/ a sém t ‘na bòta d fèr,/ ciò!, èmènc l’è quèl che pèr.

Adès per andè a spas,/ bšägna avè e’ green pass,/ che se t’è d’ andè a pisè,/ sèinza d quèl in tla fa fè.

Un ènt l’èlza la mèna,/ per dì ch’l’è stè in quarantèna,/ ciuš ad chèša e išulèd,/ com ch’e’ fós un impstèd.

Dòp st’ éspériénza,/ de vacino un pò fè sèinza,/ us ne faria di séćć,/ ch’l’è quel ch’e’ sèlva i vèćć.

Pu tótt i prèga la Madòna,/ ch’l’aglja manda bòna,/ che lór i n’à tènta chèra,/ da ciapè e covid e fnì säta tèra.

Ivano Aurelio Muratori

Tutti i giorni sotto al comune,/ i pensionati fanno il raduno,/ con una paura della Madonna,/ di prendere il virus corona.

Seduti sopra una panca,/ con la paura che è tanta,/ già che molti non ci sono più,/ han preso il virus e sono andati su.

Ma loro almeno da casa possono uscire,/ e quando escono si mettono prima,/ berretto, guanti e mascherina.

E quando sono in adunanza,/ mantengono la distanza,/ un metro uno dall’altro,/ senza fare né scatti né salti.

Il più vecchio si alza in piedi,/ e comincia a parlare del covid,/ gli altri ascoltano,/ e c’è chi piange chi pesta i piedi.

Un altro dice io sono nonno,/ tutti i giorni mi fanno il tampone,/ ho già fatto l’abbonamento,/ con lo sconto dopo i cento.

Il suo vicino, un bel vecchino,/ dice io ho già fatto i due vaccini,/ questo virus non è uno scherzo,/ aspetto solo di fare il terzo.

Se ho poi un po’ di febbrina,/ prendo la tachipirina,/ faccio anche dei fumenti,/ che al virus lo addormento.

Quello vicino a lui gli dà ragione,/ gli dice con la vaccinazione,/ siamo in una botte di ferro,/ ciò! almeno è quello che pare.

Adesso per andare a spasso,/ bisogna avere il green pass,/ che se devi andare a pisciare,/ senza di quello non te la fan fare.

Un altro alza la mano,/ per dire ch’è stato in quarantena,/ chiuso in casa isolato,/ come se l’avessero murato.

Dopo questa esperienza,/ del vaccino non può far senza,/ se ne farebbe dei secchi,/ che è quello che salva i vecchi.

Poi tutti pregano la Madonna,/ che la mandi loro buona,/ che non hanno tanto piacere,/ per il covid, di finire nella terra.

Ultimi Articoli

Scroll Up