Home > La puèšia ad Muratori > E’ rurèl ad San Savèin

Mè a stàg a San Savèin,
du ch’a faz e’ cutadèin,
ò la végna e un scról d’uliv,
e tènta ròba ch’a cultiv.

Ma la tèra ai dàg e’ còr,
a la vang finché a mòr,
quèst l’è e’ mi mis-cér,
un caz mèj che l’inzgnér.

Fin a l’utme dé ch’a chèmp,
a lavurarò te chèmp,
sa impègn e pasiòun,
la stèsa de ba’ e de nòn.

Sicóm ch’a sò un rurèl,
a vèng zó se sumarèl,
quand ch’a sò in Piaza Cavur,
im ciapa tót per Ben-Hur.

Im guèrda e pu i dmanda:
e quèst ch’iqué chi se manda?
Ai dég mè a sò Fafèin,
un d’jutme cuntadèin.

Nu ciapèm per un pacòun,
ò e’ brèc na un machinòun,
a pensè che tla mi stala,
ò ‘na Fulvia cupè zala.

Per nu pasè da Sgnór,
a la dròv cumè tratór,
ti pì d’ un pèra ad bó,
ch’a si sém magnè tót dó.

Nu fašim la faza strèna,
che sa vlì ròba nustrèna,
a duvì fè i cunt sa mè,
divèrsamènt an la magnè!

Ivano Aurelio Muratori

IL RURALE DI SAN SAVINO

Io sto a San Savino,/ dove faccio il contadino,/ ho la vigna e un sacco di ulivi,/ e tanta roba che coltivo.

Alla terra gli dò il cuore,/ la vango finché muoio,/ questo è il mio mestiere,/ un cazzo meglio dell’ingegnere.

Fino all’ultimo giorno che campo,/ lavorerò nel campo,/ con impegno e passione,/ la stessa del babbo e del nonno.

Siccome sono un rurale,/ vengo giù col somarello,/ quando sono in Piazza Cavour,/ mi prendon tutti per Ben-Hur.

Mi guardano e poi chiedono:/ e questo qui chi ce lo manda?/ Dico loro sono Fafèin,/ uno degli ultimi contadini.

Non prendetemi per uno sbruffone,/ ho il somaro non un macchinone,/ a pensare che nella mia stalla,/ ho una Fulvia cupè gialla.

Per non passare da signore,/ l’adopero come trattore,/ al posto di un paio di buoi,/ che ci siamo mangiati tutti due.

Non fatemi la faccia strana,/ che se volete roba nostrana,/ dovete fare i conti con me,/ diversamente non la mangiate.

Ultimi Articoli

Scroll Up