Home > La puèšia ad Muratori > E’ šmòg us dà la pèga

Sa tènt machini ch’al zira,
in zità un si rispira,
fóm e gas sa šmòg e tèš,
jéntra ad bäca e drèinta e’ nèš.

Sa parèć ch’i scataracia,
i tusès in pjó i surnacia,
e i palmun ch’jè tót buš,
i s’artròva tót dó ciuš.

Zà che e’ smòg ui s’ incòla,
e u jarduš cmè una sòla,
cla purchèra lan va via,
l’è pèz dl’etisia.

Stè disastre l’è suzès,
per còlpa de fint prugrès,
ch’l’à scunfèt la malèria,
mo u s’ impèsta l’èria.

Adès u jè pòc da fè,
us täca turnè indrè,
per andè in biciclèta,
ch’u n’è pu ‘na dišdèta.

In parèć zà i la dròva,
qualcun u l’à tòlta nòva,
d’jèltre jè dré ch’impèra,
tótt quant i diš ch’jà chèra.

Tènti machini òzdé,
a gl’jé in pèri sl’evrosé,
e la cminza zà l zèinta,
a tò quèli a curèinta.

T ‘na situaziòun isé,
u s’à d’acèlèrè,
i s’à da mòv i tintinèga,
che e’ šmòg us dà la pèga.

Ivano Aurelio Muratori

LO SMOG CI DÀ LA PAGA

Con tante macchine che girano,
in città non si respira,
fumo e gas con smog e taso,
entrano in bocca e dentro al naso.

Con molti che sputano,
tossiscono in più russano,
e i polmoni che sono pieni di buchi,
si ritrovano tutti e due chiusi.

Già che lo smog s’incolla,
e li riduce come una suola,
quella porcheria non va via,
e peggio della tisi.

Questo disastro è successo,
per colpa del finto progresso,
che ha sconfitto la malaria,
ma c’impesta l’aria.

Adesso c’é poco da fare,
ci tocca tornare indietro,
per andare in bicicletta,
che non è poi una disdetta.

In parecchi già l’adoperano,
qualcuno l’ha presa nuova,
altri sono dietro che imparano,
tutti dicono che hanno piacere.

Tante macchine oggigiorno,
sono in pari con l’euro sei,
e comincia la gente,
a prendere quelle a corrente.

In una situazione così,
si deve accelerare,
si deve muovere chi tentenna,
che lo smog ci dà la paga.

Ultimi Articoli

Scroll Up