Da ‘na stmèna a sò stranid,/ an n’ò vòja ad rid,/ e’ còr e’ fadiga a bat,/ a ne só cus ch’ò fat.

S’a savès cus ch’l’è,/ an staria iquè a bazilè,/ e dmandè ma la mi ma’,/ che raza ad mèl e’ sarà.

Léa la diš ch’ò drèinta,/ un tèrle ch’um turmèinta,/ ch’um ròšga zarvèl e’ còr,/ che però sa quèl an mòr.

E’ pò ès ch’l’ava rašòun,/ ch’e’ sia la deprèsiòun,/ o e’ tèrle cum ch’la díš léa,/ mè a jò la stèsa idea.

Mo e’ dutór um vò upèrè,/ mè a jò dét da lase andè,/ ch’un faza gnènca la pròva,/ che è tèrle u ne tròva.

Ai pèins mè me šgrazièd,/ ò una grapa d’ sènta grèd,/ quand ch’a la bòt zó,/ a s-ciòp mè o e’ s-ciòpa ló.

Mè ò ancóra da imparè,/ e’ tèrle chi um l’à tachè,/ e du ch’a l’ò tòlt só,/ quand ch’ai pèins a dég boh!

Qualche bèla criatura,/ la m’avrà fat la fatura,/ e vigliaca per la tégna,/ la m’à fat una malégna.

Tènimòdi mè am la chèv,/ s’ò da bé alóra a bèv,/ cla grapa bèla fòrta,/ che per e’ tèrle e’ vò dì mòrta.

Ivano Aurelio Muratori

IL TARLO

Da una settimana mi sento strano,/ non ho voglia di ridere,/ il cuore fa fatica a battere,/ non lo so cosa ho fatto.

Se sapessi che cos’è,/ non starei qui a preoccuparmi,/ e a chiedere a mia mamma,/ che razza di male sarà.

Lei dice che ho dentro,/ un tarlo che mi tormenta,/ che mi rosica cervello e cuore,/ ma con quello non muoio.

Può essere che abbia ragione,/ e che sia la depressione,/ o il tarlo come dice lei,/ io ho la stessa idea.

Ma il dottore mi vuole operare,/ io gli ho detto di lasciar perdere,/ che non faccia neanche la prova,/ che il tarlo non lo trova.

Ci penso io al disgraziato,/ ho una grappa di sessanta gradi,/ quando la butto giù,/ crepo io o crepa lui.

Io devo ancora imparare,/ il tarlo chi me lo ha attaccato,/ o do ve l’ho preso su,/ quando ci penso dico boh!

Qualche bella creatura,/ mi avrà fatto la fattura,/ e vigliacca per la tigna,/ mi avrà fatto una maligna.

Tanto io me la cavo,/ se devo bere allora bevo,/ quella grappa bella forte,/ che per il tarlo vuol dir morte.

Ultimi Articoli

Scroll Up