Home > Cronaca > Ed ecco che noi Italiani ultimi della classe ci prendiamo il voto migliore

Ed ecco che noi Italiani ultimi della classe ci prendiamo il voto migliore

Non capita spesso, anzi, non capita quasi mai, ma a volte capita: un compito di latino, greco o matematica bizzarramente difficile o pieno di trabocchetti manda a gambe all’aria i bravi e gli sgobboni, quelli candidati ai nove e ai dieci, sempre preparati e sicuri di sé, mentre a sorpresa il voto migliore lo prende l’ultimo della classe perché, pur fra cancellature e ripensamenti perfino in bella copia, se l’è cavata molto meglio degli altri. Non basta: viene pubblicamente lodato dal preside e additato ad esempio.

Non sto parlando dell’esame di italiano di Suarez all’Università per stranieri di Perugia, ma dei risultati italiani nel controllo della pandemia, rispetto a paesi che ci superano regolarmente nelle classifiche su qualunque cosa, dall’istruzione alla quantità di occupati, dal welfare alle spese per la cultura.

Loro sempre primi della classe, noi sempre ultimi, e quasi sempre meritatamente. Ma un giorno arriva un supplente nuovo, di nome Covid-19, e dà un compito a sorpresa, che sfida le conoscenze consolidate, ed ecco che gli ultimi diventano i primi, non certo con aiutini e imbeccate alla Suarez.

Guardare il filmato che l’Oms ha dedicato alla risposta italiana all’emergenza coronavirus provoca emozioni contrastanti: in inglese siamo sempre sul filo della sufficienza, a giudicare dall’accento e dalla pronuncia che sfoggiano Brusaferro e Locatelli, ma come spirito di sacrificio e impegno solidale contro la diffusione della malattia ci siamo meritati un “distinto”, se non un “eccellente”.

E ancora più dei video dell’Oms, che, come grida Trump ai quattro venti, è una subdola filiale del governo cinese, sono i drammatici bollettini provenienti da Francia, Spagna e Inghilterra, per non parlare di Russia e Stati Uniti, a dirci che tutte quelle rinunce, quei diktat a tarda notte e quei pani fatti in casa a quanto pare erano proprio quel che ci voleva.

Che dietro le decisioni del nostro governo ci fosse una migliore preparazione scientifica, o un ragionamento alla “è così assurdo che potrebbe funzionare”, sta di fatto che finora hanno funzionato più dell’affidarsi all’immunità di gregge a suo tempo imprudentemente invocata da Boris Johnson, che oggi bolla il senso di disciplina degli italiani come innato servilismo.

A distanza di cinque mesi dai posti di blocco all’uscita delle città e dei camion carichi di bare, la situazione si è ribaltata. Abbiamo un decimo (un decimo!) del numero dei contagi quotidiani di Francia e Inghilterra, e ora tocca a noi, gli ex “untori” d’Europa, guardarci dai nostri vicini.

E, per continuare la metafora scolastica, i presuntuosi secchioni di ieri ci fanno segni disperati per avere i nostri suggerimenti. Nessun autocompiacimento: la promozione dell’Oms ce la siamo guadagnata a prezzi carissimi, la perdita di decine di migliaia di connazionali e la peggiore crisi economica del dopoguerra.

E comunque abbiamo passato solo il primo quadrimestre, il secondo è appena iniziato, e si profila difficile quanto il primo. Dal quale siamo effettivamente usciti migliori – non rispetto a prima, ma rispetto agli altri.

Lia Celi

Scroll Up