Home > Poesia > Edgar Lee Masters: «Sarah Brown»

Edgar Lee Masters: «Sarah Brown»

Maurizio, non piangere, non sono qui sotto il pino.
L’aria profumata della primavera bisbiglia nell’erba dolce,
le stelle scintillano, la civetta chiama,
ma tu ti affliggi, e la mia anima si estasia
nel nirvana beato della luce eterna!

Và dal cuore buono che è mio marito,
che medita su ciò che lui chiama la nostra colpa d’amore: –
digli che il mio amore per te, e così il mio amore per lui,
hanno foggiato il mio destino —
che attraverso la carne raggiunsi lo spirito
e attraverso lo spirito, pace.
Non ci sono matrimoni in cielo,
ma c’è l’amore.

Edgar Lee Masters (Garnett [USA], 1868 – Melrose Park, 1950)

Scroll Up