Home > Ultima ora politica > Emergenza smog, le proposte del Gruppo Ambiente Pd Rimini

Emergenza smog, le proposte del Gruppo Ambiente Pd Rimini

Il Gruppo Ambiente ed Energie Rinnovabili del Partito Democratico di Rimini avanza “una proposta concreta a proposito dell’emergenza smog e PM10″. La sintesi è: “smettiamola di considerarla emergenza e facciamo rete”.

In un documento firmato da Manuela Fabbri, Lidano Arcangeli, Alberto Ravaioli, Pippo Prosperi, Ariano Mantuano, il Gruppo afferma: “Noi non siamo quelli che chiedono di chiudere occhi, naso, bocca e finestre, per non respirare. Ma sappiamo prenderci cura di noi stessi e del bene comune, producendo idee e azioni di buona politica. Che possono e sanno modificare modelli e stili di vita dannosi. Poiché si impegnano nel concreto a risolvere i problemi più seri della collettività: auto-educando loro stessi per primi, coniugando saperi e competenze, conoscenze e capacità di governo».

«Quando ogni anno – prosegue il documento – si ripetono gli sforamenti da polveri sottili, in primavera e d’estate, d’inverno e soprattutto in autunno, forse non possiamo più definirla emergenza? E’ questo che si chiede il Gruppo Ambiente ed Energie Rinnovabili della Conferenza Programmatica del Partito Democratico coordinato da Manuela Fabbri, e ora permanente, che con i suoi 40 partecipanti, le audizioni, le competenze degli esperti e i contributi delle associazioni ambientaliste, ha elaborato delle proposte concrete e strutturali, di prevenzione e cura. Partendo da un ragionamento semplice».

«L’Ambiente è il protagonista della durata, le condizioni di salute e la qualità della vita delle nostre comunità. Con tutti i costi conseguenti, e vogliamo dirlo quasi cinicamente a questo punto, proprio puntando sui costi economici di sanità pubblica che ricadono su tutta la comunità. Respirare aria inquinata è tra le prime cause di morte nel Mondo. Ed è come se ogni bambino fin dalla sua nascita fosse un incallito fumatore. Perché la Pianura Padana, ma non solamente, è una camera a gas. Per condizioni naturali, venti e collocazione geografica, ma anche l’habitat creato dagli uomini con l’impronta ecologica pesantissima (così si chiama), di reti stradali e sviluppo industriale. Ci siamo fatti molto del male. Vogliamo continuare così o proviamo a demotivare l’uso forsennato della mobilità inquinante, in attesa vengano utilizzati mezzi elettrici anche per il trasporto collettivo e delle merci?».

«Il popolo Pd chiede agli amministratori e rappresentanti istituzionali di città della Romagna, Regione E-R, di mettersi in rete, producendo misure strutturali e preventive. Non è più possibile rincorrere le emergenze con velleitarie misure tampone, in Emilia-Romagna e a Rimini che seppure col polmone pulito del suo mare, incorre in frequenti e continuati sforamenti. Sappiamo tutti che misure istituite di parziali chiusure al traffico, con deroghe su deroghe sono assolutamente inadeguate. Che fare allora, in attesa delle piogge e del Trc?».

«Lunedì sera eleggeremo il nuovo segretario provinciale: Stefano Giannini, anche sindaco di Misano, che sappiamo sensibile a queste tematiche nella città che amministra. Proprio la scorsa settimana abbiamo seguito il seminario Mobility promosso dal Comune di Misano, con Alberto Rossini e Luciano Natalini, su progetto europeo. L’esperto della città partner di Granz, ci ha esposto le azioni messe in atto nelle loro ecologiche città. Tutte proposte fattibili e concrete: sia nei cambiamenti strutturali che nelle azioni, sia dal pubblico che dal privato reso consapevole (noi lo siamo, l’uno e l’altro ci chiediamo?). Nella riduzione del consumo di combustibili fossili e della mobilità su gomma. Promuovendo ed educando la popolazione, così come nei paesi evoluti sanno fare. Ci ha portato alcuni concreti esempi, casomai volessimo imparare: creano vie di accesso privilegiate ciclabili (larghe, non finte nei due sensi di marcia dentro le città), con divieto di superare i 30 km orari alle auto, sicché le bici vanno perfino più veloci. Istituendo divieto di marcia e di sosta alle auto nelle vicinanze e intorno agli istituti scolastici, mezz’ora prima e mezz’ora dopo l’entrata e l’uscita degli studenti. Educando così ragazzi e adulti, alla cultura del rispetto tra persone (che non si litigano il posto davanti alla scuola) e dell’aria di tutti”».

«Per esempio Pippo Prosperi, già per vent’anni preside dell’Einstein e Alberto Ravaioli già sindaco e primario di oncologia, hanno proposto tra l’altro di valorizzare il trasporto su ferro (la ferrovia è lì a due passi) anche nel trasporto di studenti e insegnanti, da Rimini e dintorni al Polo Scolastico di Viserba. Al nostro nuovo segretario Stefano Giannini, poiché la Conferenza Programmatica elabora il programma futuro del partito, chiediamo interesse e condivisione di ogni azione concreta possibile perché il nostro motto è “con il Partito Democratico oggi, per il futuro che lasciamo”».

Ultimi Articoli

Scroll Up