Home > Ultima ora sport > Endurance trail, a Pennabilli la gara podistica più lunga del mondo

Endurance trail, a Pennabilli la gara podistica più lunga del mondo

Sport. Al via sabato 1 settembre da Pennabilli (Rn) la prima edizione dell’Avp501 Endurance trail, la gara podistica più lunga del mondo promossa dalla Regione. Quasi cento super atleti di corsa into the wild negli scenari incontaminati dall’Alta via dei Parchi. Lo start in piazza Garibaldi alle ore 9. Bonaccini: “Sport, turismo, ambiente per valorizzare il nostro Appennino”

Una grande festa all’insegna della più genuina ospitalità emiliano-romagnola e del più autentico agonismo. Venerdì 31 luglio aperitivo di benvenuto ai concorrenti e il giorno dopo, per la cittadinanza e i turisti, percorsi di nord walking, trekking, giochi sportivi in collaborazione con Apt Servizi, Uisp e Parco del Sasso Simone Simoncello

Al via sabato 1 settembre la prima edizione dell’Avp 501 Endurance Trail la gara podistica più lunga del mondo in una sola tappa e in modalità assistita, promossa dalla Regione, attraverso i paesaggi incontaminati dell’Alta Via dei Parchi, lungo il crinale appenninico tra Emilia-Romagna, Marche e Toscana.

Sono 98 i super atleti che si daranno appuntamento alle ore 9 a Pennabilli in piazza Garibaldi, per sfidarsi in un’ impegnativa prova di resistenza fisica e psicologica, seguendo un tracciato di 501 chilometri, quasi interamente in sterrato e con un dislivello positivo di 30mila metri, che dovrà essere percorso in un tempo massimo di 200 ore (otto giorni e otto ore). L’arrivo dovrà infatti avvenire entro le ore 16 di domenica 9 settembre a Berceto nell’Appennino parmense.

“Sport, turismo e ambiente possono essere una chiave vincente per valorizzare il nostro Appennino e un percorso straordinario quale l’Alta Via dei Parchi – sottolinea il presidente della Regione Stefano Bonaccini che  l’1 settembre a Pennabilli sarà rappresentato dal consigliere regionale Giorgio Pruccoli.–  Miglior destinazione 2018 in Europa secondo la guida Lonely Planet,  l’Emilia-Romagna è visitata da un numero crescente di persone come dimostrano i dati  relativi ai primi sei mesi di quest’anno con una aumento delle presenze del 6,7% dopo il record di quasi 57 milioni di turisti del 2017. Un boom che interessa anche le nostre montagne, meta sempre più di un turismo non solo invernale, da parte di chi ama l’ambiente, la vita all’aria aperta e lo sport. Il nostro auspicio è che un grande evento come l’Avp 501 possa essere un ulteriore, importante elemento di attrattività.”

Un ultratrail  – organizzato dall’associazione sportiva Lupi d’Appennino –  lungo tutta una regione cui partecipano atleti provenienti anche da Belgio, Gran Bretagna, Spagna, Svizzera, Olanda, Ungheria che dovranno gestire in autonomia i tempi di sosta, approvvigionamento idrico e alimentare. Una gara unica al mondo, non solo per gli elevati contenuti atletici ed agonistici, ma anche per la bellezza e il valore naturalistico dei territori attraversati, ricchi di importanti testimonianze storiche.

Il 31 agosto a Pennabilli grande festa con gli atleti   

La partenza dell’Avp 501 sarà anche l’occasione per una grande festa, all’insegna della più genuina ospitalità emiliano-romagnola e dei valori del più autentico agonismo. Una festa in cui la comunità di Pennabilli e i tanti turisti che affollano le località della Riviera romagnola e del suo entroterra potranno stringersi in un ideale abbraccio agli atleti. Augurando loro il più sincero “vinca il migliore”.

Appuntamento la sera del 31 agosto alle ore 20.30 in Piazza Garibaldi a Pennabilli con un aperitivo di benvenuto agli atleti, grazie alla collaborazione di Apt Servizi. Protagonisti i prodotti Dop e Igp dell’enogastronomia regionale: piadina, salumi, formaggi accompagnati dai vini del territorio. A seguire pasta party per atleti e famiglie organizzato dal Comune.

La partenza dell’Avp 501 sarà accompagnata – l’1 settembre –  da diverse iniziative rivolte alla cittadinanza organizzate da Uisp Rimini:  un “Invito al Nordic Walking” per adulti e per i bambini, un ricco programma di giochi sportivi e orienteering per famiglie. In programma anche un trekking organizzato dal Parco del Sasso Simone e Simoncello

Da segnalare in particolare il trail di 21 chilometri che partirà in concomitanza con l’Avp 501 da Pennabilli, sabato 1 settembre alle 9 e al quale sarà possibile iscriversi anche la mattina stessa sul posto.

Alla scoperta dell’Alta Via dei Parchi assistendo al passaggio degli atleti a Casteldelci

Per assistere al passaggio degli atleti e sostenerli sarà possibile recarsi presso uno dei 36 punti ristoro o una delle sette basi vita dislocate lungo i 500 chilometri del percorso. Ognuno di questi punti sosta infatti, nei quali gli atleti possono rifocillarsi, riposare e ricevere assistenza medica, è raggiungibile anche in auto.

Nel Riminese si tratta tra l’altro del punto di ristoro di Gattara, nel comune di Casteldelci dove gli atleti arriveranno al trentaduesimo chilometro di gara.

Un grande appuntamento sportivo di livello internazionale, ma anche un’occasione per scoprire o riscoprire i tanti tesori naturalistici dell’Appennino tra Emilia-Romagna, Toscana e Marche, lungo l’Alta via dei Parchi. Per questo la settimana dell’Avp 501 Endurance Trail è accompagnata da un ricco programma di iniziative organizzate da Enti Parco, Cai e Uisp Emilia-Romagna. Escursioni per grandi e piccini, visite guidate, trekking accessibili anche ai meno esperti.

Prima Alta Via a non interessare l’arco alpino, l’Alta Via dei Parchi  si snoda attraverso otto aree protette che in questo modo sono messe in relazione tra loro e offerte ad una più completa fruizione: i due parchi nazionali dell’ Appennino tosco-emiliano e delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna; i cinque parchi regionali dell’ Alto Appennino modenese, Valli del Cedra e del Parma, Corno alle Scale, Laghi di Suviana e Brasimone, Vena del Gesso romagnola; il parco interregionale di  Sasso Simone e Simoncello./PF

Scroll Up