Home > Ultima ora economia e lavoro > ER Coraggiosa e Comune di Rimini: “Garantire l’occupazione delle Officine FS”

ER Coraggiosa e Comune di Rimini: “Garantire l’occupazione delle Officine FS”

“Garantire il rispetto degli accordi stipulati e la continuità occupazionale per le lavoratrici e i lavoratori degli impianti Officina Manutenzione Ciclica Locomotive (OMCL) di Rimini e Officine Grandi Riparazioni (OGR) di Bologna, aziende nella manutenzione, rinnovamento e riparazione dei rotabili (all’interno della sezione manutenzione del gruppo Ferrovie dello Stato)”.

A chiederlo, con un’interrogazione rivola al governo regionale, è Igor Taruffi (ER Coraggiosa).

Lo scorso anno le organizzazioni sindacali del settore, si legge nell’atto ispettivo, “hanno sottoscritto due diversi accordi per rilanciare i due siti meccanici: per l’OMCL è stata prevista l’introduzione di nuovi turni con maggiore disponibilità oraria, a fronte di un più ampio impegno nell’investimento di trasformazione dell’impianto da parte del gruppo, mentre per l’OGR è stata prevista la modifica dei carichi di lavoro, dell’organico e della produzione, indirizzando la specializzazione dell’officina nella manutenzione dei componenti”.

Questi impegni, rimarca Taruffi, “non sono però stati rispettati, a un anno dalla stipula per quanto riguarda il sito di Rimini non sono stati programmati investimenti nei piani manutentivi nazionali e per quanto riguarda Bologna, nelle previsioni aziendali, non sono state considerate le ore stabilite dagli accordi: i sindacato hanno conseguentemente attivato le procedure di raffreddamento per richiedere il rispetto del contenuto degli accordi”.

“È inaccettabile – conclude il consigliere – disperdere il know how delle officine storiche della nostra regione, in particolare in questo periodo in cui è fondamentale investire maggiormente nel trasporto pubblico su ferro e di conseguenza nella sua manutenzione ordinaria e straordinaria”.

Interviene sulle preoccupazioni del futuro delle Officine Grandi Riparazioni anche il Comune di Rimini. L’assessore alla mobilità Roberta Frisoni: “L’Officina Grandi Riparazioni non solo deve mantenere la sua vocazione, ma deve evolversi, sviluppare e innovare le lavorazioni, capitalizzando le professionalità esistenti e generando nuova occupazione seguendo quelle che sono le innovazioni in corso nel sistema dei trasporti. Questa è sempre stata e continua ad essere la posizione, più volte già espressa, dell’Amministrazione comunale di Rimini. Ritengo doveroso ribadirlo, una volta di più, anche alla luce delle ultime preoccupazioni espresse dalle associazioni sindacali proprio in questi giorni. Nel rispetto delle prerogative e scelte aziendali che competono alle ferrovie, l’amministrazione comunale considera quella dell’Officina grandi riparazioni di Rimini un’area strategica non solo da salvaguardare ma da valorizzare in prospettiva, perché in grado di sviluppare servizi, innovazioni e nuova occupazione specializzata.
Da parte nostra confermiamo la disponibilità al dialogo sia con la proprietà che con le rappresentanze dei lavoratori. Nei prossimi giorni si svolgerà un incontro con le organizzazioni sindacali per affrontare le problematiche emerse e le prospettive di questa struttura, di cui ribadiamo l’importanza storica e futura per Rimini e per il sistema regionale e nazionale dei trasporti.”

 

Scroll Up