Home > Ultima ora politica > Fabbri (Lega) ironizza su Gnassi, ma sbaglia nazionalità della vittima

Fabbri (Lega) ironizza su Gnassi, ma sbaglia nazionalità della vittima

Oscar Fabbri, Segretario cittadino Lega Rimini, ironizza sulle dichiarazioni del sindaco Andrea Gnassi all’indomani dell’aggressione violenta a una turista. Con qualche imprecisione:

“Le parole del Sindaco Gnassi sfiorano l’imbarazzo. Mi stupisco che non abbia accusato direttamente il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dell’illecita condotta del cittadino bengalese accusato di violenza sessuale ai danni di una giovane donna riminese“.

Com’è noto, il gravissimo fatto è accaduto invece ai danni di una turista danese.

“Fino a pochi mesi fa – prosegue Fabbri – per il ‘nostro’ caro Sindaco, a Rimini andava tutto bene. Quando la Lega – non certo per diletto ma commentando i fatti – denunciava l’emergenza sicurezza anche nel nostro territorio, Gnassi si voltava dall’altra parte e con sufficienza liquidava le nostre denunce. Oggi, con un tempismo perfetto dalle pagine di un noto quotidiano locale, tuona invece allo scandalo, parla di giustizia e di certezza della pena. Peccato che così facendo abbia gettato alle ortiche la poca coerenza politica rimastagli, virando dall’immagine di Sindaco di un Comune cosmopolita, immacolato e consapevolmente accogliente, a quella di Sindaco ‘sceriffo’, che non ci sta a convivere con episodi di violenza e che, com’è logico, ne denuncia l’orrore. Benissimo. Non è la Lega a dover fare i conti con la sua coscienza. Ma suggeriamo in ogni caso un certo contegno. Non vorremmo trovarcelo a un gazebo in piazza Cavour con l’intento di sottoscrivere la tessera da sostenitore”.

Scroll Up