Home > Cronaca > Femminicidio via Rastelli: ancora rilievi in casa, difesa killer chiederà perizia psichiatrica

Femminicidio via Rastelli: ancora rilievi in casa, difesa killer chiederà perizia psichiatrica

Sono in corso nella giornata di oggi e proseguiranno probabilmente fino a domani i rilievi della Polizia Scientifica nell’appartamento di Via Rastelli in cui lo scorso 25 giugno è stata uccisa con 30 coltellate Cristina Peroni, 33 anni, di fronte al figlio di 5 mesi. I rilievi con l’ausilio del luminol sono in corso sia all’interno che all’esterno dell’edificio che nell’auto del 47enne Simone Benedetto Vultaggio, ritenuto responsabile del femminicidio e ora in carcere.

Secondo gli investigatori l’uomo avrebbe sferrato 30 fendenti alla vittima, di cui una alla giugulare, dopo averla probabilmente stordita colpendola con  un mattarello. Il killer non ha confessato il delitto spiegando di aver memoria solo di una lite e di non ricordarsi nulla dell’omicidio.  In casa di Vultaggio inoltre i poliziotti hanno trovato dei proiettili di pistola per una sorta di pistola artigianale oltre alle armi del delitto. L’avvocato del femminicida Alessandro Buzzoni ha annunciato che chiederà la perizia psichiatrica per il suo assistito.

Ultimi Articoli

Scroll Up